Google, palloni aerostatici
e droni in rampa di lancio

Redazione Web
Google, palloni aerostatici e droni in rampa di lancio

Mentre Amazon rinuncia a costruire in proprio Aquila, il drone fatto per portare internet nelle zone non connesse, Google per raggiungere lo stesso scopo punta sui palloni aerostatici. E dimostra di credere fino in fondo nel progetto, creando un'apposita attività indipendente all'interno della holding Alphabet: Loon. La soluzione basata sui palloni ha dimostrato la sua efficacia dopo il passaggio dell'uragano Maria, assicurando a una Puerto Rico semi devastata la connessione alla Rete. Google raddoppia anche sui droni: un'altra divisione appena diventata autonoma, Wing, realizza infatti droni per le consegne. Avviata nel 2012, opera servizi di consegna di alimentari e medicinali  nelle aree rurali a Canberra, in Australia. Loon e Wing, due dei progetti “X moonshot” di Google, d'ora in poi funzioneranno come aziende autonome, con ottime possibilità di diventare business di successo. Entrambe hanno anche un nuovo Ceo: Alastair Westgarth si è insediato a Loon, James Ryan Burgess a Wing.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

Economy Mag