Arriva l’asta per il 5G
e il telefonino va a razzo

Redazione Web
Arriva l’asta per il 5G e il telefonino va a razzo

Sarà il 5G la leva grazie al quale sviluppare il tessuto digitale dell'Italia. Ne è sicuro il ministro dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio il quale ha annunciato ieri che il bando di gara per l'assegnazione delle frequenze radioelettriche è pronto. "Un punto di rottura con il passato", secondo il ministro, che rappresenta "una nuova tappa del percorso che porterà l'Italia a dotarsi di una tecnologia innovativa, la rete 5G, che non è semplicemente un'evoluzione del 4G, ma è una piattaforma che apre nuove opportunità di sviluppo per il nostro sistema economico". Con l'asta vengono messi a gara in totale 1.275 MHz di spettro nelle bande pioniere per il 5G, ossia 1.000 MHz nella banda a 26 GHz, 200 MHz in quella a 3,7 GHz e 75 MHz nella banda a 700 MHz.

"Le caratteristiche di questa nuova tecnologia - ha aggiunto il ministro Di Maio - consentiranno la digitalizzazione di ampi settori economici: dai trasporti all’industria, all’agricoltura, alla cultura, alla scuola, alla sanità, al turismo, all’ambiente, garantendo ampi margini di crescita per il nostro Paese”. Il 2 agosto è il termine ultimo per la presentazione delle domande di partecipazione; dieci giorni dopo (il 12 agosto, insomma) il ministero "comunicherà l'ammissione o l'esclusione dalla procedura". Entro il 10 settembre, poi, le imprese ammesse alla procedura dovranno presentare la propria offerta economica sulla base degli importi minimi di aggiudicazione previsti nell'avviso di gara (che vanno da 32,6 a 676 milioni di euro a seconda del lotto preso in esame) e nel relativo disciplinare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

Economy Mag