Memoria corta per gli smartphone? Troppi “buongiorno”

Redazione Web
indian male using phone on sofa

Ogni giorno un terzo degli utenti indiani esaurisce lo spazio disponibile sul proprio telefono.

E la spiegazione è semplice come dire “buongiorno”...

I ricercatori di Google hanno iniziato a notare qualcosa di strano nei loro server. Ogni giorno, in India, uno smartphone su tre esaurisce il suo spazio disponibile senza apparenti ragioni. La risposta che gli ingegneri di Big G hanno trovato è semplice e disarmante: “Buongiorno”. A causare l’eccessivo riempimento dello spazio di archiviazione è una sovrabbondanza di fiori, bimbetti, uccellini, tramonti e altre tenerezze inviate per augurare buongiorno ai propri contatti.

Insomma, gli indiani sono persone troppo cordiali, e mandando ogni giorno auguri di una felice giornata, hanno intasato internet.

Milioni di indiani sono ormai online e dall’alba fino al picco massimo delle ore 8 inondano di messaggi ben augurali i loro contatti. Basti pensare che negli ultimi cinque anni le ricerche condotte su Google con la parola chiave “buongiorno” sono decuplicate. I cellulari diffusi in India sono device con costi contenuti ma anche con una memoria di archiviazione ridotta.

Per questo, basta qualche “buongiorno” di troppo per trovarsi con uno smartphone pieno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

Economy Mag