Si è chiusa la Maker Faire di Roma

Redazione Cognome

Si è conclusa l'edizione romana di Maker Faire che dall'1 al 3 dicembre ha portato l'innovazione al centro della capitale

Si è conclusa la Maker Faire, la kermesse degli artigiani digitali che fino a domenica porta a Roma la tecnologia a 360 gradi. Una superficie di 100.000 metri quadrati, negli spazi della Fiera di Roma, ha ospitato 400 startup che scommettono sulle loro idee hi-tech, dalla robotica alla salute passando per l'agricoltura e l'alimentazione.

Giunta alla quinta edizione, "Maker Faire - The European Edition 4.0" espone centinaia di soluzioni tecnologiche tra realtà virtuale e aumentata, droni e stampa 3D, musica ed energia sostenibile. Nel complesso sono 750 i progetti presentati dai maker di 40 Paesi, cui si aggiungono le creazioni di 55 scuole e 28 università e istituti di ricerca

“Sono molto soddisfatto - spiega Lorenzo Tagliavanti, Presidente della Camera di Commercio di Roma – di questa quinta edizione della Maker Faire Rome. Alla crescita qualitativa degli espositori si è accompagnata un’evoluzione positiva del pubblico che ho visto più consapevole ovvero intenzionato non solo a vedere, ma anche a interagire. Per il 2018 il nostro intento è quello di uscire dallo schema dei 3 giorni espositivi spalmando la manifestazione durante tutto l’anno e favorendo un maggiore coinvolgimento dei luoghi dell’innovazione e della conoscenza della città. Aggiungeremo e rafforzeremo ai contenuti tre temi fondamentali: 1) impresa 4.0, perché ormai non esiste più distinzione tra impresa innovativa e impresa tradizionale: solo se l’impresa è innovativa, sopravvive; 2) smart city; 3) innovazione nella Pubblica Amministrazione.  Maker Faire Rome – conclude Tagliavanti – è nata come una manifestazione dei maker, contraddistinta da una spirito di libertà nelle tecnologie: ora dovrà essere anche la manifestazione dei settori economici strategici per un grande Paese moderno. Penso, ad esempio, a turismo e cultura che vanno contaminati il prima possibile con le nuove tecnologie”.

Nel settore tecnologico "l'obiettivo non è tanto dar vita a un colosso, a una Google europea, quanto far nascere moltissime innovazioni diffuse che possano conquistare nicchie di mercato importanti". Lo ha detto il ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, a margine della conferenza inaugurale della Maker Faire, in corso a Roma. La Maker Faire, fiera degli artigiani digitali che ospita 700 progetti di startup e innovatori, giunta alla quinta edizione, "ha visto triplicare i suoi numeri.

Abbiamo deciso - ha spiegato Calenda - che rientrerà nel Piano strategico sulle fiere per farla diventare internazionale: dal 2018 la sosterremo con un contributo da 1,5 milioni di euro". L'obiettivo, ha aggiunto il ministro, "non è solo fare più soldi ma avvicinare innovazione alle persone, in modo che la tecnologia non sia più percepita come pericolosa".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

Economy Mag