sustainability & circular economy

Responsabilità sociale, un driver di valore

Riaffermare la vicinanza con i territori attraverso prodotti e servizi che incentivino la coesione sociale e sostengano concretamente le imprese: il percorso virtuoso di Bper Banca nel Bilancio di Sostenibilità

Paola Belli
Responsabilità sociale, un driver di valore

Si fa presto a dire “sostenibilità”. Ma per scoprire cosa significa esattamente per un’azienda parlare di Corporate Social Responsibility (CSR), bisogna prendersi la briga di sfogliare un bilancio di sostenibilità, il documento - solitamente voluminoso - che mette nero su bianco i valori delle esternalità economiche, sociali e ambientali dell’operato dell’impresa. Uno su tutti, quello di BPER Banca: sono anni che la sesta banca italiana per attivo persegue obiettivi di sostenibilità e opera in network nazionali ed internazionali, come lo UN Global Compact, per creare una società migliore e più inclusiva. Detto per inciso: la ricchezza generata quest’anno da BPER Banca è in linea con i dati eccezionali del 2018, pari a circa 2 miliardi di euro, di cui è stato redistribuito ai portatori di interesse quasi il 90%. 

Valutare le performance di sostenibilità significa ragionare anche in termini di derisking degli investimenti e di rating esg

Oggi i temi di Sostenibilità pervadono la strategia aziendale, grazie all’approvazione e implementazione del Piano di Sostenibilità 2020-21, complementare al Piano Industriale 2019-21 che a sua volta include tre importanti progetti: BPER Banca per l’Ambiente, BPER Banca per la Comunità, Sostenibilità nella Value Chain. Si è così avviato un grande processo di trasformazione che coinvolge governance, strategie e modelli di business per contribuire alla realizzazione di “un’economia globale più sostenibile”. «È ferma convinzione del management del Gruppo che oggi non si possa più prescindere dai temi di sostenibilità», spiegano da BPER Banca. «Per gli operatori finanziari, infatti, valutare le performance di sostenibilità significa ragionare anche in termini di derisking degli investimenti, come conferma l’attività svolta dalle agenzie di rating nel valutare le imprese del settore. I rating di sostenibilità o ESG - Environmental, Social, Governance, ndr - sono infatti un giudizio sintetico che certifica la solidità di un emittente dal punto di vista delle performance ambientali, sociali e di governance, e i rating ESG di BPER Banca ci confermano come il percorso intrapreso stia dando risultati positivi». Per l’istituto bancario la sostenibilità è intesa come driver generatore di valore nel medio-lungo periodo, in linea con quanto richiesto dal nuovo Codice di Corporate Governance. Tradotto in azioni tangibili, questo significa riaffermare la vicinanza con i territori attraverso prodotti e servizi che permettano da un lato una maggiore inclusione sociale e dall’altro un aiuto concreto alle aziende per affrontare la transizione energetica, cogliendo ogni opportunità di innovazione e sviluppo affiancati da un partner finanziario competente e credibile. Così il Bilancio di Sostenibilità approvato e pubblicato quest’anno da BPER Banca, relativo all’esercizio 2019, risponde alle attese degli stakeholder dando evidenza, in modo trasparente e secondo linee guida riconosciute a livello internazionale, del lavoro svolto per aumentare la sostenibilità del Gruppo. Contiene infatti informazioni di natura ambientale e sociale attinenti il personale, il rispetto dei diritti umani, la lotta contro la corruzione attiva e passiva, i rapporti con la clientela, i prodotti/servizi con ricadute sociali e ambientali positive e riporta tutti i progetti e le iniziative sostenute dal Gruppo a favore dei territori di riferimento.Da qualche anno, inoltre, la rendicontazione di sostenibilità viene inquadrata all’interno dei Sustainable Development Goals, gli obiettivi identificati dalle Nazioni Unite e inseriti all’interno dell’Agenda Globale per lo sviluppo sostenibile (Agenda 2030). I 17 Obiettivi, divisi in 169 Target, delineano il percorso verso la sostenibilità per Paesi e organizzazioni di tutto il mondo.


Portafoglio etico e green

L’attenzione del Gruppo BPER Banca è rivolta allo sviluppo di prodotti che, oltre a consentire una reale accessibilità in ottica di inclusione finanziaria, abbiano anche un forte carattere di innovazione. Sono diversi i prodotti offerti che determinano importanti ricadute sociali tra cui, a titolo di esempio, il microcredito, un progetto a supporto delle aziende per la creazione di servizi di welfare aziendale, finanziamenti a supporto dell’imprenditoria femminile e dei giovani che vogliono rimanere al Sud. BPER è inoltre la prima banca in Italia a emettere carte di pagamento dotate di carattere braille per i non vedenti ed è a fianco dei clienti anche con prodotti che li supportino in interventi di efficientamento energetico di case e aziende come ad esempio lo strumento di project finance BPER Life4Energy e i mutui green.

Finanza sostenibile

Il Gruppo detiene un portafoglio proprietario etico al 31/12/2019 che ammonta a 278.894.397 euro pari all’1,47% (+45% rispetto al 2018) sul totale portafoglio investito. L’ obiettivo per il 2021 è quello di incrementare di un ulteriore 20% gli investimenti SRI, SRI, cioè i Sustainability and Responsible Investment. A testimonianza dell’impegno sugli investimenti ESG, BPER a dicembre 2019 ha in collocamento per la propria clientela circa 40 fondi e sicav che sono stati individuati avere caratteristiche ESG attraverso un processo di selezione interna quali-quantitativa.

Microcredito, welfare aziendale, imprenditoria femminile, occupazione giovanile: sono i fronti di intervento di BPer Banca


I dipendenti 

Nel 2019 il Gruppo BPER conta su una forza lavoro di circa 14.000 persone, di cui il 44% donne e il 56% uomini; il 99,5% dei dipendenti risulta essere assunto con contratti a tempo indeterminato mentre il 9% risulta avere un contratto part-time. Il Gruppo considera le persone al centro del proprio progetto imprenditoriale, esse rappresentano infatti il vero vantaggio competitivo. A comprovarlo la premiazione di BPER Banca come “Top Employers Italia 2020”.

Numerosi sono i percorsi tesi alla valorizzazione ed allo sviluppo delle competenze professionali e personali. Il Gruppo BPER infatti riserva grande attenzione alla formazione (61 ore medie di formazione per dipendente) e all’aggiornamento professionale. Prosegue anche il progetto per le pari opportunità “A pari merito”, un percorso finalizzato a definire una strategia aziendale maggiormente focalizzata a valorizzare e supportare le donne nel processo di crescita professionale e di carriera. Il Gruppo BPER crede fortemente nel benessere delle proprie risorse e concretizza tale posizione sviluppando e mettendo a loro disposizione una serie di iniziative di welfare che costituiscono il Piano Welfare del Gruppo BPER, cioè l’insieme dei beni e dei servizi che l’azienda mette a disposizione dei dipendenti e delle loro famiglie; tali beni e servizi sono i medesimi sia per i lavoratori a tempo pieno che per quelli a tempo parziale.

Nel 2019 il Gruppo BPer banca ha “risparmiato” 33mila tonnellate di co2 grazie alla gestione efficiente delle risorse

Gli impatti ambientali

Il Gruppo BPER, al fine di garantire una gestione sostenibile delle risorse ambientali impiegate nelle proprie attività, ha avviato un processo di monitoraggio finalizzato alla riduzione dei consumi sia dal punto di vista della gestione delle materie prime che dell’energia grazie all’uso efficiente delle risorse e ad una gestione ottimale dei rifiuti. Tale sistema consente di misurare costantemente le performance interne, valutarne gli scostamenti e identificarne le criticità. Le attività più rilevanti dal punto di vista della riduzione degli impatti ambientali sono relative ai seguenti ambiti: efficientamento dei processi di utilizzo della carta e avvio di progetti di dematerializzazione per ridurne i consumi; acquisto di prodotti con marchio di qualità ambientale; interventi di efficientamento energetico; produzione di energia rinnovabile, gestione sostenibile della mobilità. Nel 2019 il Gruppo BPER ha così evitato di immettere in atmosfera quasi 33.000 t di CO2, che equivale a piantare 47.136 alberi.  BPER Banca ha poi partecipato a diversi eventi di sensibilizzazione del personale tra i quali “M’illumino di meno” e “Bike to work” e ha realizzato un progetto di risparmio energetico, “Piantiamola”, che ha coinvolto tutti i dipendenti (851.710 kWh risparmiati).

Il rapporto con la comunità

Per il Gruppo BPER gli investimenti in sponsorizzazioni, partnership e liberalità contribuiscono in modo sostanziale alla valorizzazione dei territori di appartenenza; le attività supportate vanno a privilegiare quegli ambiti maggiormente riconducibili al sistema di valori del Gruppo quali welfare, sviluppo di realtà culturali e sostegno alle giovani generazioni.  

Nel corso dell’ultimo triennio la devoluzione di somme benefiche e stata a favore di molteplici iniziative in campo scientifico, assistenziale e solidale è stata pari a 7.830.915 euro. La numerosità degli enti beneficiati rende difficile elencare la totalità delle attività sostenute. Qualche esempio? #LaBancaCheSaLeggere:

da sempre il Gruppo BPER opera nella ferma convinzione che l’inclusione e la riduzione delle disuguaglianze sociali passano anche attraverso la diffusione di eventi culturali aperti alla cittadinanza e fruibili da tutti. #LaBancaCheSaLeggere è più di uno slogan.

tra le iniziative sostenute: figura il sostegno a Premi di rilevanza nazionale (Premio Strega, Premio Strega Ragazze e Ragazzi e Premio Strega Giovani, Premio Estense, Premio di poesia Laudomia Bonanni, Premio Flaiano, Premio Nazionale di Divulgazione Scientifica Giancarlo Dosi); la promozione del premio letterario “Sognalib(e)ro”, nato su iniziativa del Comune di Modena, in collaborazione con il Ministero della Giustizia, che ha visto otto carceri italiane partecipare con i detenuti in attività sia di recensione di libri di autori rilevanti, sia di scrittura di testi propri; la realizzazione, ormai decennale, di cicli di presentazioni di importanti novità editoriali nell’ambito della Rassegna “Incontri con l’autore” presso il BPER Forum Monzani di Modena (oltre 150.000 presenze in un decennio di attività). Sul fronte dei progetti sociali, nel corso dell’ultimo triennio la devoluzione di somme benefiche è stata a favore di molteplici iniziative in campo scientifico, assistenziale e solidale. Riportiamo per importanza il supporto a 10 Empori Solidali  presenti sul territorio nazionale, una rete presente in tutta Italia con aspetto e funzionamento simili a un negozio tradizionale ma con un’importante funzione sociale: sostengono infatti concretamente le famiglie che si trovano in condizione di fragilità economica distribuendo gratuitamente beni di prima necessità. 

Quanto all’educazione finanziaria, sono più di 64.000 i ragazzi coinvolti nel 2019. E con GRANDE!,  “Tarabaralla. Il tesoro del bruco baronessa”, “Un passo verso il futuro”, Progetto Teen!, la feconda collaborazione con FEduF (Fondazione per l’Educazione Finanziaria e per il Risparmio, sono tanti i progetti avviati per le scuole di ogni ordine e grado per supportare la crescita delle giovani generazioni nel campo dell’educazione finanziaria.

BPER Banca sfrutta per questo scopo anche i propri canali social; un esempio sono le rubriche dedicate a questi temi su facebook che coinvolgono direttamente i dipendenti (BPERU) e su Instagram, nel canale Teen! dedicato ai teenager, si affrontano temi che favoriscono la diffusione di una cultura della cittadinanza e della consapevolezza nelle scelte economiche.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400