Diamanti, un 2017 all'insegna degli scandali

Rita Palumbo
diamante blu

L'anno che volge al termine è iniziato con l'inchiesta di Report e ha poi portato alle irruzioni della GdF

Il 2017 passerà alla cronaca come l’anno horribilis per gli investimenti in diamanti.  Non certo per i rendimenti, ma per gli scandali. Prima, ad ottobre 2016, la maxi inchiesta della trasmissione di RAI3 – Report – che ha denunciato il “gioco” delle commissioni multiple (e ingiustificate) di alcune società collegate anche ad istituti bancari. Poi le polemiche e infine l’irruzione della Guardia di Finanza in alcune banche prima della scorsa estate.

Investire in materia prime, diamanti e oro, significa puntare sui beni rifugio per eccellenza, ma non sempre l’investimento è conveniente se non vengono rispettate alcune regole”. Ad affermarlo è Maurizio Spoldi, ceo di DSC – Diamond Service Company – che ha deciso di avviare una vera e propria campagna di sensibilizzazione.

DSC è una società accreditata a livello mondiale per gli investimenti in diamanti ed opera attraverso DSC Investment, brand nato dalla collaborazione tra DSC e Amin Luxury, due protagonisti del mondo della gioielleria e dei diamanti da investimento. La missione di DSC Investment è offrire opportunità di investimento in pietre preziose all’insegna della più assoluta trasparenza, a tutela del patrimonio degli investitori, a totale protezione del capitale dei risparmiatori. I diamanti da investimenti DSC rispettano il Kimberly Process e sono Conflict Free.

DSC, proprio in piena bufera mediatica, ha dato vita d un altro brand, DSC Gold, dedicato agli investimenti in oro. DSC è iscritta nell’Elenco Operatori Professionali in Oro con n. 5007950 di Banca d'Italia, ed è una delle pochissime società in Italia a veicolare prodotti con certificazione internazionale sull’oro.

Dal sito DSC: “…..DSC Gold vende oro da investimento certificato e, su richiesta, offre lingotti Kinebar®, che costituiscono un’esclusiva mondiale e un prodotto unico, grazie all’applicazione sui lingotti d’oro della tecnologia KINEGRAM®, sviluppata congiuntamente da Argor-Heraeus e OVD Kinegram Corp. KINEGRAM® è un dispositivo ottico high-tech che, stampato sulla superficie dei lingotti coniati standard, da 1 a 100g e da 1oz, dà vita ad un nuovo ed esclusivo prodotto di alta gamma. Questo dispositivo di sicurezza, oltre ad essere ampiamente utilizzato sulle banconote e nei documenti governativi, permette di monetizzare l’investimento in qualsiasi parte del mondo semplicemente “a vista”, senza la necessità di ricorrere all’affinazione del materiale. KINEGRAM® è un marchio registrato di OVD Kinegram Corp”.

In che cosa differisce DSC da altri Banchi metalli, Compra Oro e intermediari finanziari?

La trasparenza e la competenza trentennale” – afferma Spoldi – “DSC è una delle poche aziende che opera nel campo degli investimenti sia in diamanti che in oro. Ciò comporta un’organizzazione efficiente e un team di consulenti molto esperti. Ma credo che il nostro plus vada oltre la nostra esperienza. Nel sito  DSC è possibile richiedere preventivi sia per l’acquisto che per la vendita, ci sono sia i listini dei diamanti (riferimento Rapaport), sia le quotazioni in tempo reale di oro e argento. Abbiamo fatto una scommessa: tutelare gli interessi degli investitori, agire nella massima trasparenza, offrire (gratuitamente) una consulenza personalizzata, organizzare corsi di informazione/formazione per far sì che il nostro cliente agisca consapevolmente e sia sempre informato dell’andamento dei mercati di riferimenti”.

La consulenza personalizzata è il mood di DSC da sempre. La società ha infatti un terzo brand, DSC Consulting che è strutturata per accompagnare il cliente anche nell’acquisto e nella vendita di preziosi. Gioielli di tendenza di brand affermati o realizzati su misura, rigorosamente certificati, materiali preziosi e tracciabilità di tutti i componenti. DSC vende e compra gioielli di primissima qualità. Tra i servizi garantiti, oltre alla manutenzione e alla cura, DSC effettua stime, valutazioni e acquisti di oggetti di gioielleria, oreficeria, numismatica, argenti e ne valuta la collocazione nelle più importanti case d’asta internazionali.

Quali sono le regole per un investimento in diamanti sicuro?

Si possono sintetizzare in 5 regole – spiega Spoldi - 1. Certificazione: Deve essere effettuata da enti riconosciuti e oggettivamente liberi da pressioni commerciali. 2. Caratteristiche delle gemme: È importante esigere l'esposizione chiara di tutti i dati delle pietre. 3. Esperienza: Rivolgersi sempre ad un operatore - non ad una banca - di comprovata esperienza nel settore, che deve avere la capacità di leggere l'andamento dei mercati nel medio-lungo periodo. 4. Chiarezza: Esigere garanzie sul ricollocamento della pietra; a questo scopo è indispensabile avere come interlocutore un soggetto imprenditoriale che garantisca la ricollocazione della gemma nel momento del bisogno. 5. Fiscalità: Richiedere informazioni trasparenti sulla tassazione dell'investimento.”

 Quali sono le regole per un investimento in oro sicuro?

“Anche per l’investimento in oro occorre tener presente alcuni accorgimenti utili ad evitare truffe:” – spiega Spoldi – “innanzitutto verificare che i lingotti abbiano la certificazione corretta del titolo effettivo. Controllare che venga applicato il fixing alla data di acquisto. Fondamentale  avere conoscenza delle norme fiscali che regolano l’acquisto e la vendita dell’oro”.

Infine i diamanti sintetici: sono convenienti o no?

Non siamo contrari per principio ai diamanti sintetici – afferma Spoldi -  ma riteniamo che il mercato italiano non sia pronto per commercializzarli, perché sia a livello legislativo che professionale non ci sono le condizioni per tutelare il consumatore finale”. E non solo: “la differenza del valore tra le pietre naturali e quelle sintetiche aumenterà sempre di più. Oggi un diamante di sintesi vale circa la metà di una gemma naturale. È facile prevedere che la produzione di laboratorio comporterà costi sempre più bassi, mentre la pietra naturale sarà sempre più rara e preziosa, aumentando conseguentemente sempre di più il divario del valore economico”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400