Esa sceglie Tyvak International per la realizzazione della Missione Milani

Hera, la missione per la difesa planetaria, sarà anche “Made in Italy”: Tyvak Internationallancerà in orbita un nanosatellite che visiterà il sistema binario di asteroidi denominato “Didymos”

Redazione Web
Esa sceglie Tyvak International per la realizzazione della Missione Milani

Il 15 settembre l’ESA (European Space Agency ha assegnato alla società tedesca OHB il contratto da 129,4 milioni di euro che copre il progetto dettagliato, la manifattura e il collaudo di Hera, la prima missione dell’ESA per la difesa planetaria.  

Parte di questo progetto anche Tyvak International: leader italiana ed europea nell’innovazione e realizzazione di nano satelliti, con sede a Torino, sarà alla guida di un consorzio di enti italiani, tra cui Politecnico di Torino e Milano, Istituto Nazionale di AstroFisica (INAF), CIRA ed ALTEC, e altri 6 partner internazionali, avendo ricevuto l’incarico come Prime contractor per la realizzazione della Missione “MILANI”, chiamata così in ricordo di Andrea Milani, matematico ed astronomo italiano, figura di spicco nella comunità europea della scienza spaziale, scomparso nel 2018.

Tyvak International sarà dunque responsabile per la progettazione, lo sviluppo, la realizzazione, il servizio di lancio, e le operazioni in orbita di un nanosatellite che visiterà il sistema binario di asteroidi denominato “Didymos”.  Quella di Hera è una delle prime missioni  “proximity operations” realizzate con nanosatelliti da parte di ESA, in assoluto una delle prime missioni interplanetarie ad essere realizzate con sistemi nanosatellitari, e permetterà di osservare per la prima volta con questa tecnologia un asteroide a meno di 5 km di distanza. Il nanosatellite sarà lanciato nel 2024 e viaggerà all’interno della sonda “madre” Hera per 3 anni, prima di essere rilasciato in prossimità del sistema binario. La missione prevede una serie di manovre orbitali, di osservazioni della superficie e di misurazioni effettuate con strumenti scientifici miniaturizzati, europei ed italiani.

Il contributo della Missione MILANI sarà fondamentale per dimostrare come questo tipo di tecnologie possano essere utilizzate in futuro anche a supporto di missioni umane, o dei grandi sistemi per l’esplorazione dello Spazio o in sostituzione di attività extra-veicolari - con conseguente riduzione dei rischi e costi.

“Grazie alla crescita di Tyvak in Italia negli ultimi anni, culminata con il recente lancio di 3 satelliti interamente realizzati a Torino, sul vettore VEGA SSMS, siamo oggi una delle aziende di riferimento per l’Agenzia Spaziale Italiana ed Europea. Siamo orgogliosi di poter supportare gli obiettivi della comunità scientifica e dare il nostro contributo in una missione così complessa e affascinante, attraverso tecnologie all’avanguardia ed il talento dei nostri giovani ingegneri”, dichiara Marco Villa, CEO di Tyvak International.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400