La Borsa di Milano è in vendita: il Lse pronto ad ascoltare compratori

La necessità del London Stock Exchange di ridure la concentrazione per ottenere il via libera dall'Antitrust per comprare Refinitiv per 27 miliardi di euro

Marco Scotti
borsa

Il London Stock Exchange è pronto a mettere sul mercato Borsa Italiana. La notizia era già nell’aria da qualche tempo, ma ora sembra che stia prendendo definitivamente quota e che siano già stati avviati dialoghi con diversi soggetti. La decisione di cedere Borsa Italiana (o almeno della quota in Mts) è dettata dall’esigenza di essere meno concentrati in ottica Antitrust: c’è ancora attesa da parte del gruppo, infatti, per il via libera definitivo all’acquisto del gruppo di dati e analisi Refinitiv per 27 miliardi di dollari. E che il closing potrebbe arrivare già alla fine dell’anno o, al più, entro l’inizio del 2021, come affermato direttamente dall’amministratore delegato di Lse, David Schwimmer in una nota. Tra i possibili compratori figurano sia Deutsche Boerse sia Euronext. “Non si sono certezze – ha detto il gruppo Lse – che decideremo di procedere con un’operazione in relazione” all’uno (Borsa Italiana) o all’altro (Mts) di questi asset. Ma intanto il London Stock Exchange ha confermato che i dialoghi serrati in queste ultime settimane potrebbero proprio riguardare Piazza Affari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400