Diasorin, fatturato in crescita a 382 milioni con la spinta dal Nord America

L’andamento del business ex-Covid ha registrato un calo pari a -17,3% a cambi costanti

Redazione Web
Test rapido su Coronavirus mette il turbo a Diasorin (+13%)

Diasorin ha presentato il bilancio del primo semestre 2020, con revenue pari a 328,3 milioni, in crescita del 9,1% rispetto a quanto registrato nello stesso periodo del 2019. Ricavi in crescita anche a seguito del contributo dei test di diagnostica molecolare e di immunodiagnostica per il SARS-CoV-2, generati per oltre l’85% nelle Americhe (in particolare negli Stati Uniti) e in alcuni paesi europei. Da segnalare l’aggiudicazione di alcuni importanti contratti governativi in Canada, Regno Unito, Belgio ed Israele per condurre studi epidemiologici sulle rispettive popolazioni. L’andamento del business ex-COVID ha registrato un calo pari a -17,3% a cambi costanti. L'utile netto è di poco inferiore ai 95 milioni.

Tenuto conto dell’attuale stato di incertezza ed imprevedibilità del contesto macro-economico post COVID-19 a livello mondiale, DiaSorin ritiene opportuno confermare la scelta operata in occasione della pubblicazione dei risultati del 1° trimestre e pertanto non fornire ancora previsioni in merito all’evoluzione della gestione per l’esercizio 2020. Nonostante ciò, a seguito della buona performance del business nel 1° semestre e in considerazione del settore in cui DiaSorin opera, il management non si aspetta ripercussioni negative sui risultati del Gruppo nel 2° semestre dell’esercizio e si riserva di dare un aggiornamento al Mercato qualora si abbia una maggiore visibilità sulla prevedibile evoluzione del business.

Il 1° semestre 2020 è stato caratterizzato dalla diffusione della pandemia da COVID-19 in tutte le aree geografiche in cui il Gruppo opera. Nei diversi Paesi sono state applicate limitazioni differenti a seguito delle scelte operate dalle autorità governative locali, con particolare riguardo alla mobilità delle persone, ai trasporti, alla produzione e distribuzione di beni ed alla fornitura di servizi. Tale fenomeno ha provocato uno shock macroeconomico repentino e senza precedenti a livello planetario; in questo contesto il settore in cui opera DiaSorin è stato considerato strategico, in quanto in grado di fornire gli strumenti necessari a diagnosticare e contenere il rapido diffondersi dell’infezione. Per tali motivi DiaSorin non è stata interessata da alcuna misura restrittiva ed ha proseguito senza discontinuità le proprie attività di ricerca, produzione e distribuzione in tutti i siti del gruppo, nel rispetto delle disposizioni volte ad assicurare la sicurezza dei propri dipendenti. Non sono stati ravvisati rischi significativi connessi al COVID-19 tali da mettere in dubbio la continuità aziendale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400