Superbonus al 110% o agevolazioni già in vigore? Ecco come scegliere

Il superbonus inserito nel Decreto Rilancio può assorbire alcune agevolazioni della manovra 2020: è bene scegliere i lavori da fare

Redazione Web
Superbonus al 100% o agevolazioni già in vigore? Ecco come scegliere

Il superbonus potrà essere impiegato per lavori a partire dall’1 luglio 2020 fino al 31 dicembre 2021

Crisi e opportunità, si sa, vanno sempre a braccetto. Nel dramma causato dalla pandemia di Covid-19, un’opportunità inattesa e da cogliere arriva per il settore dell’edilizia, grazie al superbonus al 110% inserito dal governo nel Decreto Rilancio. Potrà essere impiegato per effettuare lavori nella prima casa e nei condomini a partire dall’1 luglio 2020 fino al 31 dicembre 2021 e costerà allo Stato, secondo quanto affermato dal sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Riccardo Fraccaro, 7 miliardi fino al 2023.
 
Ma quali sono le tipologie di abitazioni sulle quali è possibile intervenire beneficiando del superbonus? Quali sono i dettagli di cui tenere conto per poter accedere alle agevolazioni?

Superbonus, qualche dettaglio

Intanto, per accedere al superbonus al 110% non è richiesto alcun requisito di reddito. Esso, inoltre, può interessare anche i lavori su parti comuni del condominio, di norma più difficili da gestire nel breve perché implicano una delibera dell’assemblea condominiale, difficilmente convocabile quando ancora sono vietati gli assembramenti di persone.
 
Molto interessante è poi l’applicabilità dell’agevolazione anche nel caso di lavori su immobili non abitativi - come capannoni industriali o uffici -: si tratta, in questo caso, di sconti Ires e Irpef di cui possono godere sia le società di capitali, sia gli enti non commerciali.
 
Per quanto ancora da confermare, per il superbonus al 110%, la possibile cessione del credito d’imposta o il suo cambiamento in uno sconto in fattura sono due condizioni molto interessanti per le persone a basso reddito, per chi ha redditi da locazione in regime di cedolare secca o per chi è in regime forfettario. Si resta comunque in attesa della conferma della cedibilità.
 
Quali sono però i lavori che conviene intraprendere utilizzando il superbonus al 110%? E soprattutto, quali di questi ricadono nella casistica delle agevolazioni già in vigore, che potrebbero anche risultare più vantaggiose del superbonus?

Superbonus e agevolazioni 2020

Intanto, tra queste agevolazioni già in vigore come da manovra 2020 ricordiamo quelle più “popolari”:
 
-       50% per le ristrutturazioni edilizie;
-       50% per mobili ed elettrodomestici
-       36% per le aree verdi e i giardini;
-       65% per l’installazione di pannelli solari termici e caldaie a condensazione (ecobonus);
-       50% per la sostituzione dei serramenti (ecobonus);
-       75% per la coibentazione di parti comuni per almeno il 25% della superficie dell’edificio (ecobonus);
-       90% per la tinteggiatura, la pulitura o il rifacimento esterno degli immobili nei centri storici e centri urbani (zone urbanistiche A e B, bonus facciate);
-       dal 50 all’85% per lavori mirati alla riduzione del rischio sismico dell’edificio (sismabonus).
 
Siccome la ratio che guida il superbonus al 110% è quella di agevolare gli interventi più invasivi e pesanti, ci sono interventi di minore entità che possono essere messi in pista perché fiscalmente vantaggiosi con le norme già in vigore, come per esempio:
 
-       installazione di un condizionatore con pompa di calore (detrazione al 50%);
-       sostituzione dei serramenti (detrazione al 50%);
-       rifacimento del bagno e contestuale sostituzione delle tubature (detrazione al 50%);
-       sostituzione della porta blindata di casa (detrazione al 50%);
-       ristrutturazione del giardino e delle aree verdi (detrazione al 36% per spesa da 5mila euro);
-       acquisto di mobili ed elettrodomestici in seguito a una manutenzione straordinaria avviata almeno dal 2019 (bonus mobili del 50% per spesa fino a 10mila euro di spesa per il 2020).
 
Infine, chi ha già avviato lavori per i quali potrebbe avere diritto a una scontistica differente, è bene che conservi tutta la documentazione relativi e che abbia l’accortezza di contabilizzare e pagare separatamente le diverse voci di spesa, in modo da poter verificare l’idoneità a fruire di migliori agevolazioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400