Il Covid ha aggredito il cinema: è il più grande distruttore contemporaneo

Intervista a Martha De Laurentiis produttrice cinematografica statunitense. Per capire come l'ottava arte sta affrontando l'emergenza sanitaria ed economica

Giovanni Pellerito
Il Covid ha aggredito il cinema: è il più grande distruttore contemporaneo

Martha De Laurentiis, produttrice cinematografica statunitense. Moglie del grande produttore cinematografico Dino De Lauretiis, Nella sua carriera ha prodotto oltre 20 film, tra cui Hannibal, Red Dragon, Hannibal Lecter - Le origini del male e la serie televisiva Hannibal. Vive e lavora a Los Angeles. Chi meglio di lei può fare una fotografia di Hollywood e dell’industria cinematografica internazionale stravolta dalla pandemia del coronavirus?
 
In che modo l'industria cinematografica sta vivendo questa grave emergenza sanitaria?
 
Rispetto alle tragedie umane dei malati e all'eroismo degli operatori sanitari che se ne occupano, le preoccupazioni degli affari dell'intrattenimento sembrano meschine. Tuttavia, poiché la pandemia soffoca l'economia mondiale, anche l'industria dell'intrattenimento è stata praticamente congelata. È difficile immaginare una reale ripresa e ritorno agli standard precedenti del circuito delle sale cinematografiche  fino a quando non sara’ introdotto ed ampiamente distribuito un vaccino, ci dicono che per averlo probabilmente ci vorranno almeno diciotto mesi. Il lotto degli Universal Studios, dove mi trovo, è effettivamente chiuso. Ogni film, programma televisivo ed evento dal vivo è stato influenzato dallo scoppio; le principali  produzioni sono state messe in pausa, i film tent-pole di grandi dimensioni in studio sono stati ritirati dal programma, i festival cinematografici e le conferenze TV sono stati cancellati. In un mondo in cui tutti cercano la nuova idea, la nuova tecnologia in grado di cambiare  le cose, il Coronavirus ha inaspettatamente dimostrato di essere il più grande distruttore dell'era moderna.
 
Dal punto di vista del lavoro, che impatto state verificando?
 
Tutti sono tornati a casa per ripararsi sul posto, ma finora il costo umano è stato distribuito in modo non uniforme. Gli operatori delle produzioni cinematografiche e televisive sono per la maggior parte liberi professionisti, quindi quando il lavoro si interrompe, le loro buste paga si fermano immediatamente. Le grandi compagnie di intrattenimento hanno principalmente cercato di mantenere i loro dipendenti diretti utilizzando lo smart working, ma i ricavi sono crollati e ora che siamo in quarantena da più di tre settimane, alcune agenzie di talent ed studi di produzione annunciano riduzioni salariali, finora di solito iniziano con il più pagato, ci saranno alcuni licenziamenti. Piccole aziende indipendenti come la mia hanno dovuto prendere decisioni difficili da prendere in funzione del loro flusso di cassa.
 
Lei ha avuto riduzioni dei flussi di lavoro?
 
Attualmente per me, c'è ancora molto lavoro da fare. La tecnologia ha reso la produzione più snella di prima. È possibile girare un'ora di televisione di ottima qualita’ con una troupe molto più piccola rispetto a quando ho iniziato negli anni '70 e '80, quindi sto operato supponendo che quando finira’ la quarantena, alcune produzioni cinematografiche e televisive possano riprendere in tempi rapidi chiaramente rispettando le speciali ma ragionevoli dispositivi di sicurezza. Stiamo seguendo un ordine di priorita’, verificando cio’ che nei film e televisione deve essere scritto per primo, quindi ho fatto andare avanti la mia compagnia ed in effetti, sul fronte sviluppo del lavoro che facciamo siamo rimasti impegnati. Mi sento davvero fortunato a continuare a essere in grado di svolgere il mio lavoro in maniera soddisfacente durante questa crisi, anche se l'incertezza finanziaria che ci attende può causare qualche notte insonne. Per tornare ai costi umani, è stato incoraggiante vedere che la  crisi ha fatto emergere il lato generoso di Hollywood. Tutta la sua community  ha  immediatamente creato una serie di importanti organizzazioni benefiche per aiutare i loro lavoratori, clienti e famiglie in momento come questo che non ha precedenti. In aziende che possono sembrare strutturate per aiutare i più ricchi a diventare più ricchi, oggi la maggior parte dei datori di lavoro sta cercando di fare la cosa giusta, anche quando si prospettano sfide davvero impossibili. Tale sforzo e tale portata economica da le dimensioni di quanto i governi devono sostenere il peso degli interventi. Ogni imprenditore ha capito che anche se il mondo si ferma, l'affitto, l'assicurazione e la maggior parte dei costi fissi continuano ad accumularsi. Posso solo sperare che le società di distribuzione e i vari sforzi di salvataggio del governo degli Stati Uniti stiano lavorando con prudenza per garantire che avremo cinema tra diciotto mesi.
 
Il mondo del cinema è stato spesso un precursore e un anticipatore degli eventi che abbiamo vissuto, questa volta soffre di una sceneggiatura scritta da una  sceneggiatrice unica come madre natura, come immagini il mondo del cinema da ora in poi?
 
Penso che ci siano due risposte qui: il mondo del cinema ed il modo in cui guardiamo i film, bene, il tutto sta cambiando strutturalmente sotto i nostri piedi, con una velocità quasi inconcepibile. Inoltre, devo immaginare che la straziante esperienza comunitaria di questa pandemia cambierà drasticamente il tipo di arte e intrattenimento che il pubblico vuole consumare quando sarà finita. Negli ultimi dieci anni, l'attività del film ha  lentamente spostato l’attenzione da una vasta gamma di generi e budget che hanno prodotto diversi livelli di risultati al botteghino, verso un modello teatrale in studio di film di supereroi e “presold titles” ed un modello di abbonamento e streaming per film di budget e art house. L’attuale quarantena ha accelerato ancor di piu’ il fenomeno in tempi rapidissimi. Quando i teatri si sono chiusi, tutta l'attenzione è rivolta agli streamer; nell'ultimo mese, non riesco a pensare a un film che ha fatto parte della conversazione culturale come è stato The Tiger King.
 
Come sta funzionando la fruizione dei contenuti cinematografici?
 
Le persone sono a casa e guardano molto intrattenimento; i teatri sono chiusi. È significativo il fatto che negli ultimi anni gli studi e le compagnie teatrali abbiano combattuto aspramente per definire il periodo tra il momento in cui è possibile vedere un film in un teatro e quando è possibile noleggiarlo o acquistarlo online. Pochi giorni prima della quarantena, alcuni studi hanno deciso di vendere improvvisamente online le loro nuove uscite. Inoltre, alcune produzioni piuttosto costose che cercavano il posto giusto nel programma di rilascio teatrale sono state riproposte come pubblicazioni di eventi online per promuovere consapevolezza e abbonamenti per le loro compagnie di streaming affiliate. I cinema riapriranno, ma non vedo come “il genio, della finestra teatrale hard-line, ritorni completamente nella sua lampada”. Credo fermamente nell'esperienza cinematografica, e voglio sperare che rinascerà. Da ragazza in una piccola città dell'Ohio, guardavo i  film trasmessi in un auditorium buio ed e’ ciò che mi ha fatto venire voglia di trasferirmi a New York e di cimentarmi nel mondo del cinema.
Stare a casa per così tanto tempo, interagendo solo con le nostre famiglie, credo che fara’  emergere un'enorme domanda e voglia di vedere film sul grande schermo, stare in una stanza buia piena di estranei,  credo che potremo assistere ad  un rinascimento cinematografico teatrale quando le persone non avranno più così tanta paura del pericolo virale e della folla.
 
Cosa vorranno vedere le persone quando finirà?
 
I creatori ci hanno dato avvertimenti sul nostro momento attuale, dall'epopea apocalittica di Stephen King THE STAND, al film OUTBREAK del 1995 di Wolfgang Peterson, al thriller CONTAGION del 2011 di Stephen Soderburgh, scrittori e registi hanno visto il pericolo esistenziale per il nostro mondo moderno e hanno trovato emozioni cinematografiche. Molti spettatori li stanno rivedendo oggi, ma la mia ipotesi è che una volta che possiamo vedere altro, il pubblico non sarà così desideroso di guardare film sulla fine del mondo ma forse saranno piu’ sensibili alle  storie sulla speranza, di grande umanita’ e le storie che ci faranno ridere. Quando mio marito Dino, sopravvissuto alla seconda guerra mondiale, decise di realizzare il suo primo film, fu un musical, L’Amore Canto. Scommetteva tutto che più di ogni altra cosa, alla gente mancava l'esperienza della commedia musicale, del canto, della gioia e delle risate. Solo pochi anni dopo, avrebbe continuato a realizzare alcuni dei film neorealisti più iconici e incisivi, ma il momento della ricostruzione era quello di toccare le corde del cuore e far sorridere il pubblico.
 
Hai un suggerimento per l'industria cinematografica italiana?
 
Ho ereditato da Dino l'interesse e il focus sul cinema internazionale. Anche prima del virus, ho sentito un profondo pessimismo da parte di amici e colleghi in tutta Europa sul futuro del film. Le ragioni sono praticamente le stesse che costringono al cambiamento negli Stati Uniti: l'ascesa dell'home entertainment, la difficoltà di attirare i giovani, prima i più affidabili spettatori, ma oggi occupati con i videogiochi, la vera sfida adesso e’ di ottenere consapevolezza e massa critica per un nuovi film a beneficio dell’economia dell’ entertaimnet. Certamente non posso rivendicare alcuna visione speciale del futuro, ma esorto tutti a crederci. Quando il cinema italiano fiorì negli anni '50, fu dopo un terribile periodo buio. Nonostante tutta la distruzione, la povertà e la sofferenza, l'Italia ha mostrato al mondo i loro cuori e il loro carattere. Il film italiano ha catturato la resilienza del popolo italiano, il suo senso dello stile e la poesia, i suoi valori umani, della famiglia, della fede e della qualità della vita,  piu’ che per il  mondo degli affari e dell'industria. Tutti volevano diventare italiani, visitare, amare e vivere all'italiana. L'Italia è stata flagellata da questa pandemia più di ogni altra nazione finora. La tragedia è incomprensibile. Racconta le storie di vita e di amore, immortala lo spirito dei caduti nei film che mostrano la nostra umanità, ottimismo e il valore delle nostre fragili esistenze. Emergeremo in un mondo diverso, ma saremo alle prese con grandi sfide. Il mondo avrà bisogno di queste storie. Spero sinceramente che tra un anno e mezzo, torneremo in teatri affollati, ridendo e piangendo insieme, non e’ importante questo, l’importante e’ che ci sarà un pubblico per questi film.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400