La blockchain al servizio del Made in Italy/ Seconda parte

Intervista ad Alan Tien, ingegnere elettronico di Stanford

Giovanni Pellerito
La blockchain al servizio del Made in Italy/ Seconda parte

Alan Tien, ingegnere Elettronico, laureato alla Stanford University, è oggi uno dei massimi esperti della materia, ed attualmente consulente senior per alcune delle più innovative start up del settore.

«Attualmente sto consigliando per un paio di startup blockchain: Veem.com, Tokenpad.io, ed ACHPay che è ancora una in modalità Test» ci racconta Tien. «Il tema di fondo per tutti loro è che la blockchain è la tecnologia che sta cambiando tutti i tipi di attività. La tecnologia blockchain, che è alla base di Bitcoin e altre cripto-valute, è agli albori della tecnologia - equivalente al 1995 in Internet. Al giorno d'oggi, molte delle nostre vite e attività personali dipendono da Internet, non ci pensiamo nemmeno. Questo è come sarà con blockchain tra 20 anni. Lo useremo semplicemente senza pensare che sia qualcosa di speciale o unico. Quindi, i sistemi industriali sono solo una verticale che può trarre beneficio dall'uso della blockchain. Blockchain fornisce un singolo libro mastro - un'unica fonte di verità - da utilizzare per più parti, in modo distribuito e sicuro».

Possiamo dire di essere all'alba del cripto mondo? 

Sì, è in realtà un uso interessante della parola. È "criptico" nel senso che non è chiaro e confuso dove si troverà il futuro in particolare, anche se è abbastanza chiaro che la blockchain avrà un valore in più settori. È anche "criptico" in quanto utilizza la crittografia per garantire che le transazioni siano sicure.

Quale insidie per il consumatore nell'era del cripto mondo?

La più grande trappola per il consumatore incauto è la speculazione in criptovalute come Bitcoin, o l'acquisto in una ICO (Initial Coin Offering) basata su un "white paper". Questo è il motivo per cui la SEC negli Stati Uniti sta regolando nuovi ICO. Hanno persino lanciato il loro sito di vendita ICO falso per insegnare ai consumatori come individuare una vendita di token fraudolenti.

Possiamo dire che le tre parole dei prossimi decenni saranno: Verità - Fiducia – Reputazione?

Queste 3 parole sono tutte correlate. Raccontare la verità nel tempo crea fiducia tra le parti. Costruisci abbastanza Trust nel tempo e ottieni Reputazione. In questa età di social media, la tua reputazione è il tuo credito. È interessante notare che le reti blockchain sono descritte come "Senza Trust". Ciò implica che non devi fidarti delle altre parti sulla rete e tuttavia puoi fidarti della rete stessa. Ad esempio, sappiamo che ci sono cattivi attori su Internet, eppure con SSL, puoi fidarti che la tua transazione con Amazon è sicura. Blockchain utilizza una crittografia molto sofisticata e un affascinante "meccanismo di consenso" per assicurarsi che il sistema decentralizzato e peer-to-peer sia affidabile.

Cosa rappresenta per il sistema del Made in Italy la tecnologia dei blockchain?

La tecnologia blockchain ha diversi vantaggi che la rendono adatta per un sistema per dimostrare che un prodotto è Made in Italy, in altre parole, per tracciare la sua provenienza. Prima di tutto, tutte le parti nella catena di fornitura registreranno ogni fase del processo - dalle materie prime fino al consumatore finale - sul "registro contabile distribuito" della blockchain. Più computer avrebbero tutti la stessa copia di questo libro mastro, quindi è trasparente per tutte le parti. In secondo luogo, grazie alla crittografia e all'uso intelligente del concatenamento dei blocchi di dati, i dati sono "immutabili", ovvero immutabili da chiunque. Sia la trasparenza che l'immutabilità sono fondamentali per la verifica della provenienza e per gestire le controversie.

Qui la prima parte dell'approfondimento su blockchain e Made in Italy

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400