Bmw, lieve ripresa delle vendite
nel terzo trimestre ma anno nero

Redazione Web
Bmw, lieve ripresa delle vendite nel terzo trimestre ma anno nero

La casa automobilistica tedesca Bmw ha riportato un aumento delle vendite nel terzo trimestre, eppure non è stata all'altezza della sua reputazione finale: e si aspetta una "significativa diminuzione" dei profitti per il 2019 nel suo complesso. Dopo una serie di battute d'arresto all'inizio di quest'anno - sia operative che normative - BMW ha registrato un aumento dell'8% delle vendite e un aumento dell'11% dell'utile del terzo trimestre rispetto a un anno fa. Ma l'utile dell'anno è finora sceso del 37%, e tra l'incertezza di Brexit, le tensioni della guerra commerciale e il rallentamento dell'economia globale, la casa automobilistica non si aspetta miracoli neanche in questo trimestre. Aumentare la pressione sulla redditività è la necessità di BMW - sia a causa della regolamentazione o della concorrenza - di investire in veicoli elettrici, guida automatica e altro ancora. Questo potrebbe spiegare il programma di riduzione dei costi di 13 miliardi di dollari con cui sta andando avanti. Con le case automobilistiche tedesche come BMW in difficoltà, non c'è da stupirsi se l'attività manifatturiera dell'eurozona si aggira intorno al minimo storico di sette anni. Ma gli ultimi dati pubblicati offrono un barlume di speranza: hanno mostrato segni di vita per la produzione tedesca, che è stata la principale responsabile del crollo dell'attività del blocco. I dati mostrano un rimbalzo degli ordini di fabbrica tedeschi, con una domanda in aumento dell'1,3% a settembre, superando di gran lunga le stime di un guadagno dello 0,1%.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400