Nuova Via della Seta, la Cina
investe nelle ferrovie libanesi

Redazione Web
Nuova Via della Seta, la Cina investe nelle ferrovie libanesi

La Cina continua a estendere la sua influenza in Medio Oriente anche attraverso investimenti infrastrutturali, nell’ambito della strategia della nuova Via della Seta. È la volta del Libano, dove una delegazione cinese ha elaborato un piano per rilanciare le ferrovie in occasione di un incontro con il ministro libanese dei Lavori pubblici e dei trasporti. La costruzione sarebbe parte di uno sforzo più ampio per collegare il transito tra città vicine, come Aleppo e la capitale della Siria Damasco, mentre la connessione in Libano sarebbe tra Beirut e Tripoli. Le entrate necessarie per remunerare l’investimento cinese dovrebbero essere generate dal reparto merci e dai pendolari; più in generale, Il trasporto pubblico ha un ruolo centrale per lo sviluppo economico e sociale in Libano. Ci sono state anche altre manifestazioni di interesse da parte della Cina: il primo ministro Saad Hariri ha incontrato una delegazione guidata da Wang Kejian, l'ambasciatore cinese in Libano. Alla discussione, che ha riguardato gli investimenti in energia, hanno partecipato membri del China Energy Group. L’interesse cinese nei confronti del Libano era già risultato evidente lo scorso mese di marzo, quando Gao Yan, presidente del China Council for the Promotion of International Trade (CCPIT, Consiglio cinese per la promozione del commercio internazionale), aveva annunciato l'apertura di un ufficio a Beirut. «La presidente del CCPIT ha scelto il Libano come destinazione della prima visita ufficiale nel mondo arabo, un grande onore per il nostro paese, il Libano svolge un ruolo importante e strategico nell'iniziativa Belt and Road», aveva sottolineato il Presidente Onorario dell'Unione delle Camere Arabe Adnan Kassar.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400