L'industria siderurgica
mondiale è in crisi

Redazione Web
L'industria siderurgica mondiale è in crisi

ArcelorMittal, il più grande produttore di acciaio del mondo, ha annunciato per la seconda volta questo mese tagli alla produzione in tutta Europa. In particolare ha dichiarato che avrebbe cessato l'attività del suo stabilimento polacco per poi ridimensionarsi in Spagna, poiché l'aumento dei prezzi dell'energia e le importazioni record di acciaio da paesi extraeuropei hanno ostacolato i suoi profitti. Ma la domanda ancora debole, in parte da parte delle case automobilistiche in difficoltà, e l'aumento del costo del minerale di ferro utilizzato per produrre l'acciaio hanno imposto ulteriori misure. Piuttosto che rischiare il fallimento come British Steel, ArcelorMittal spera che questi tagli "temporanei" alla produzione la aiuteranno a superare la tempesta.

Le tariffe americane sull'acciaio importato dallo scorso anno hanno portato gli americani ad acquistare meno dall'estero, riducendo la domanda di acciaio dal più grande esportatore mondiale, la Cina. Ma gli altri acquirenti sono stati rapidi nel cogliere l'offerta a basso costo della Cina, in parte a spese dei produttori europei. Invece le aziende siderurgiche americane dicono di aver aggiunto 12.800 nuovi posti di lavoro grazie alle tariffe imposte da Trump alle importazioni. Ma alcuni economisti stimano che l'aumento dei prezzi dell'acciaio costa al paese 900.000 dollari per ogni posto di lavoro protetto dell'industria siderurgica, per non parlare del costo delle tariffe di ritorsione. Nel 2018, l'aumento della produzione interna di acciaio statunitense ha compensato il calo delle importazioni, ma solo in minima parte. Quest'anno potrebbe vedere i produttori in grado di aumentare ulteriormente la loro produzione, a vantaggio degli Stati Uniti, e forse con lo scetticismo degli investitori nel resto dei produttori siderurgici mondiali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400