Reti in fibra ottica, Italia leader grazie a Open Fiber

Redazione Web
Reti in fibra ottica, Italia leader grazie a Open Fiber

Nel nostro Paese il tasso di sviluppo delle reti in fibra ottica anno su anno è stato del 43,1% rispetto al 15,7% della Unione europea. Open Fiber, con oltre 5 milioni di unità immobiliari cablate in modalità Fiber To The Home, sta accelerando la digitalizzazione del Paese con infrastrutture di ultima generazione. Dal settembre 2017 al settembre 2018, il numero di edifici cablati con infrastruttura in fibra ottica nel Paese è salito da circa 4.4 milioni a circa 6.3 milioni (+43,1%, dato record nel Continente, la cui media si attesta al 15,7%). Lo sottolinea lo studio di Idate presentato nell’ambito dell’FTTH Conference 2019 che quest’anno si è tenuta ad Amsterdam. Si tratta del principale appuntamento del settore a livello mondiale organizzato da FTTH Council Europe, organizzazione di imprese europee fondata con l’obiettivo di accelerare la diffusione di connettività in fibra ottica e lo sviluppo di una società digitale in Europa. Con oltre 5 milioni di unità immobiliari già cablate in FTTH - la fibra che arriva direttamente all’interno di case, aziende e sedi della Pubblica Amministrazione - in tutto il territorio nazionale e un piano che prevede l’infrastrutturazione di circa 8000 Comuni, Open Fiber sta trainando lo sviluppo digitale dell’Italia grazie ad una rete di ultima generazione, in grado già oggi di raggiungere la velocità di 1 Gigabit al secondo (Gbps) e di accogliere tutte le successive evoluzioni della tecnologia. Considerando l’incremento annuale di unità immobiliari citato da Idate (relativo al periodo settembre 2017-settembre 2018), di circa 1,9 milioni di unità immobiliari, Open Fiber evidenzia che il proprio contributo a questa crescita è pari a circa il 75%. “I numeri diffusi ad Amsterdam evidenziano il ruolo che Open Fiber sta giocando nel promuovere lo sviluppo infrastrutturale del Paese – ha dichiarato Elisabetta Ripa, Amministratore Delegato dell’azienda. E’ sempre più diffusa e percepita inoltre a livello continentale la necessità di realizzare reti interamente in fibra ottica, in modalità FTTH, capaci di supportare pienamente la rivoluzione digitale in atto, soprattutto in quelle aree che soffrono maggiormente il divario digitale”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400