Lyft si prepara alla Borsa
con azioni “doppie”

Redazione Web
Lyft si prepara alla Borsa con azioni “doppie”

Non tutte le azioni sono create allo stesso modo. O meglio, come diceva Enrico Cuccia, le azioni si pesano e non si contano. Dopo la quotazione in Borsa, la Lyft – il competitor di Uber sul mercato post-taxi - avrà "azioni a doppia classe": due diverse classi di azioni, una delle quali ha un potere di voto molto maggiore. I suoi fondatori mantengono così un maggiore controllo operativo e limitano l'influenza degli altri azionisti - compresi i fastidiosi aspiranti investitori attivisti. Diversi giganti della tecnologia scambiati pubblicamente come Alphabet e Facebook hanno strutture azionarie di doppia classe simili. Il proprietario di Snapchat Snap ha anche emesso azioni a doppia classe quando "è diventato pubblico" - ma il loro valore è sceso precipitosamente da allora. Con i fondatori di Snap che controllano il 96% del suo potere di voto, dare più voce in capitolo agli investitori avrebbe potuto portare a un risultato diverso. Lyft, che opera solo in Nord America, ha dichiarato di rappresentare il 39% del mercato statunitense delle quote di mercato delle corse. Ma è un nano a confronto con il rivale globale Uber, che l'anno scorso ha realizzato 11,3 miliardi di dollari di entrate - e 1,8 miliardi di dollari di perdite. Uber, che si diletta anche nella consegna di generi alimentari e nella spedizione di merci, sta pianificando una propria Ipo nel 2019.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400