Crif acquisisce la quota di maggioranza di Inventia

Dopo l’accordo strategico siglato nel luglio scorso, con questa operazione CRIF consolida ulteriormente la propria leadership nel Fintech

Redazione Web
nsa

CRIF - azienda globale specializzata in sistemi di informazioni creditizie e di business information, servizi di outsourcing e processing e soluzioni per il credito - annuncia di avere completato l’acquisizione della quota di maggioranza di Inventia - azienda italiana fondata a Milano da Andrea Cinelli nel 2012 e oggi tra i leader europei nei servizi di Digital Onboarding, di Video Riconoscimento Biometrico e di Video Collaborazione grazie alla tecnologia software proprietaria Phygital4X.

Grazie alla tecnologia di Inventia, CRIF potenzia la propria piattaforma ‘Omnichannel Smart Onboarding’ per i processi del credito arricchendola di componenti che aumentano la user experience nell’interazione ‘phygital’ con il cliente finale.

Inventia combina tecnologie di intelligenza artificiale, video engagement, collaborazione a distanza, riconoscimento dell’identità, biometria e firma digitale creando una esperienza ‘phygitale’ (physical + digital) per consentire alle aziende di incrementare le conversioni online abilitando la vendita di prodotti e servizi che ad oggi presentano limitazioni di carattere normativo o di elevata complessità. Nello specifico, le soluzioni Inventia consentono di rafforzare la sicurezza nelle transazioni e nell’accesso a dati sensibili attraverso la tecnologia “ID-CERT” che permette una verifica dell’identità del cliente attraverso un sistema a doppio fattore biometrico, nel pieno rispetto delle normative KYC (Know Your Customer) e migliorando la customer experience. Per altro, Inventia porta la propria tecnologia phygital anche nel Retail, grazie alle soluzioni self standing di Sim-Box per l’attivazione e la vendita di Sim telefoniche, già adottate da primarie compagnie internazionali.

La collaborazione tra CRIF e Inventia, che testimonia una volta di più la vocazione strategica del Gruppo bolognese nell’ambito dell’innovazione Fintech, ha già portato importanti risultati commerciali sia in Italia che in altri Paesi Europei, dove una soluzione congiunta ha trovato consensi nei mercati telefonico e finanziario.

Tra i benefici per i clienti, il principale è rappresentato dalla possibilità di allargare i propri canali di vendita introducendo processi come il video riconoscimento ai fini dell’apertura di conti correnti e la sottoscrizione di prodotti finanziari nonché l’identificazione attraverso sistemi basati sul riconoscimento biometrico per l’attivazione di SIM telefoniche. Il tutto semplicemente attraverso uno smartphone o un pc, ovunque e in qualunque momento. 

Grazie a quest’accordo, aziende di credito, utilities, compagnie di assicurazioni partner di CRIF potranno a loro volta sviluppare nuovi canali di comunicazione con i propri clienti finali, espandendo il percorso di digitalizzazione dei propri processi fino ad oggi possibili solo in filiale o in tempi differiti, come ad esempio nel caso della sottoscrizione di un prestito online.

Relativamente alla piattaforma ‘Omnichannel Smart Onboarding’ di CRIF, l’obiettivo è offrire agli operatori di settore una soluzione end-to-end che coniughi la necessità di alleggerire l’esperienza digitale e, al contempo, garantisca il rispetto della normativa nell’identificazione e nell’autenticazione del cliente, aumentando il tasso di conversione e riducendo i costi di creazione e manutenzione della posizione cliente. Nello specifico, la piattaforma consente di individuare percorsi diversi di onboarding a seconda del canale e della regolamentazione del singolo Paese e di gestirli e modificarli nel tempo in un’unica soluzione cross country. Allo stesso tempo, la modularità spinta su cui CRIF ha investito consentono non solo di modificare i processi individuati anche in momenti successivi (ad esempio per mutate condizioni normative), ma di integrare o sostituire specifici moduli riducendo al minimo l’impatto operativo e i costi connessi.

“Questa operazione rappresenta la naturale evoluzione di una partnership di successo che nel corso del 2018 ci ha visto offrire sul mercato, grazie alle sinergie con Inventia, una soluzione unica per il Phygital Onboarding, realmente end-to-end e omnicanale. In particolare, riteniamo che il know-how che Inventia porta in dote contribuirà a far evolvere ulteriormente la nostra gamma di soluzioni per garantire una customer experience sempre più agile e veloce - afferma Enrico Lodi, Managing Director di CRIF -. Nella propria strategia di crescita e investimenti, che vede CRIF collocarsi al 35 posto al mondo nella classifica IDC Fintech, da sempre è stata posta grande attenzione a realtà e startup che si contraddistinguono nel mondo delle tecnologie finanziarie, in Italia e all’estero, confermata dalla presenza in tutti i principali network e hub. In quest’ottica, l’acquisizione di Inventia rappresenta un ulteriore passo per servire sempre meglio i nostri clienti, non solo in Italia ma anche sui mercati globali, grazie alla creazione di nuove sinergie con la nostra expertise, forza di investimento in ricerca e sviluppo e presenza sui mercati più avanzati e competitivi di 4 continenti”. 

“Sono davvero felice e orgoglioso che Inventia entri a far parte del mondo CRIF. Questo rappresenta per noi il riconoscimento della bontà del nostro progetto ed una enorme opportunità per accelerare il nostro sviluppo nazionale ed internazionale potendo contare sulla forza e sulla solidità di un player globale che ci consentirà di crescere ulteriormente offrendo le nostre soluzioni di ’Phygital Onboarding’ integrate con l’ecosistema CRIF, ovunque nel mondo” – commenta entusiasta Andrea Cinelli, CEO & founder di Inventia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400