Tfr dipendenti pubblici, accolto ricorso alla Corte Costituzionale

Massimo Battaglia (Unsa): "L'ora del giudizio è arrivata"

Marco Scotti
Decreto Concretezza: Unsa-Confsal accetta la sfida

Massimo Battaglia, Segretario Generale della Federazione Confsal-UNSA dichiara con soddisfazione «Finalmente l’ora del giudizio è arrivata. È di oggi la notizia che la Corte Costituzionale ha fissato per il 17 aprile alle ore 9.30 l’udienza per il ricorso UNSA sull’indebito ritardo del pagamento del TFR per i dipendenti pubblici». 

«Finalmente, dopo un lungo e ostinato iter giudiziario, l’UNSA potrà esporre davanti alla Corte Costituzionale le ragioni di milioni di lavoratori, che dopo aver versato per decenni onestamente i propri contributi, mese dopo mese, sono costretti ad attendere il proprio TFR fino a 51 mesi, tra dilazioni e rateizzazioni» continua Battaglia, che aggiunge

«Dopo che l’UNSA è riuscita a sbloccare la contrattazione nel pubblico impiego con la sentenza n. 178 del 2015 della Corte, ora conta di raggiungere un nuovo storico e fondamentale risultato per consentire ai lavoratori pubblici di vedersi riconoscere il TFR che si sono meritati nella loro carriera, immediatamente all’atto del pensionamento».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400