In Brasile gli autobus fanno guerra a UberPool

Redazione Web
uber

Le compagnie di autobus brasiliane prendono di mira UberPool (Uber Juntos in Brasile), il servizio che consente agli utenti che vanno nella stessa direzione di condividere la corsa e i costi. Lo riferisce il sito brasiliano G1. Secondo l'accusa il servizio di UberPool si configura come trasporto pubblico irregolare. A San Paolo, i consorzi hanno chiesto un risarcimento per le perdite derivanti dalla diminuzione di passeggeri e la Società metropolitana di trasporti urbani Emtu ha dichiarato che l'anno scorso ha bloccato auto legate alle applicazioni in modo irregolare. Le compagnie di autobus dicono che UberPool farebbe concorrenza diretta e sleale senza essere soggetta alle stesse regole alle quali loro sono sottoposte, come la necessità del contratto, la regolamentazione e i prezzi fissi, oltre alla gratuità per gli anziani e gli studenti. Uber si è difesa dicendo che il servizio Uber Juntos non è una modalità di trasporto collettivo, ma "un sistema che combina viaggi individuali con percorsi convergenti per condividere lo stesso veicolo". La società ha dichiarato in un comunicato che il servizio è stato progettato per "mettere più persone in meno macchine" e che "è complementare al trasporto pubblico".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400