ECONOMY&POLITICA

Laura Castelli: «questo paese è cresciuto
grazie a uno stato che sapeva programmare. È ora di riscoprire la ‘spinta gentile’»

Sergio Luciano
Laura Castelli: «questo paese è cresciutograzie a uno stato che sapeva programmare. È ora di riscoprire la ‘spinta gentile’»

Intervista con il sottosegretario all’Economia accusata di troppe “gaffe“:  «Comprendo la necessità di svilirci, l’accetto e vado avanti. Il lavoro che stiamo facendo è importante, ed è riconosciuto non solo da chi ci vota»

«Mia madre era una dipendente della Sip, mio padre dell’Italgas. Sono cresciuta, a Collegno, respirando giorno per giorno nell’aria di famiglia cosa significa quando c’è uno Stato che programma la crescita», dice Laura Castelli, sottosegretario all’Economia. Lady Gaffe, come la chiamano i detrattori. «Sono cresciuta sentendo discorsi orgogliosi sulla posa dei gasdotti in tutta Italia, sull’installazione dei tralicci per portare il telefono fin nei comuni più piccoli. Sono esperienze che insegnano», prosegue. «La mia tesi di laurea l’ho scritta sull’Opa...

economy mag

CONTINUA A LEGGERE I TUOI ARTICOLI CON

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400