No alle “svape” negli Usa,
“fanno troppa gola ai bambini”

Redazione Web
No alle “svape” negli Usa, “fanno troppa gola ai bambini”

I regolatori statunitensi sono intransigenti contro tutto quello che ha solo minimamente a che fare con il fumo. E hanno deciso che va repressa la vendita di sigarette elettroniche aromatizzate comprese quelle al mentolo. E a noi cosa importa? Importa molto, in realtà. La Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti vieterà la maggior parte delle vendite di ”svape” (per dirla in italiano!) nei minimarket e nelle stazioni di servizio, perché ha constatato che quei prodotti, pur in sé innocui o se non altro meno dannosi del tabacco, si stanno diffondendo tra i più giovani come un'epidemia e finiscono con lo spingerli verso il fumo tradizionale o le droghe. Secondo le nuove regole, le e-cigs aromatizzate possono essere vendute solo online o in negozi specializzati, che sono più adatti a controllare l'età dei clienti ed accertarsi che siano maggiorenni. Si dice che Juul, leader del settore, stia già interrompendo le vendite di sapori di prima scelta per i ragazzi come mango e cetriolo in tutti i negozi fisici. Questo minaccia di mandare a monte il business dei produttori di mentolo perché oggi circa una sigaretta su quattro vendute negli Stati Uniti sono al mentolo - e sono tipicamente commercializzate ad adolescenti, donne e minoranze etniche. British American Tobacco, che l'anno scorso ha speso 50 miliardi di dollari per acquistare le più grandi marche di mentolo negli Stati Uniti, conta su fumatori di mentolo per il 25% dei suoi profitti: cosa le accadrà adesso?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400