Istanbul, apre il nuovo enorme aeroporto

Investimento da 29 miliardi che dovrebbe garantire oltre 115mila posti di lavoro aggiuntivi

Redazione Web
Istanbul, apre il nuovo enorme aeroporto

Un aeroporto con un'estensione di 77 milioni di metri quadrati, 53 mila dei quali destinati al "duty free più grande del mondo", già pronto a gestire 3.500 tra decolli e atterraggi giornalieri, con 42 chilometri di nastri bagagli operativi, un parcheggio da 25 mila veicoli oltre a un'area residenziale di circa 100 mila metri quadrati. È il nuovo aeroporto di Istanbul, che per il controverso presidente Recep Tayyip Erdogan è il più grande del mondo. Secondo l'amministratore delegato della compagnia che gestisce gli aeroporti della metropoli sul Bosforo, l'investimento effettuato ammonta a 29 miliardi di euro. Inizialmente lo scalo gestirà un totale di 90 milioni di passeggeri all'anno, destinati a diventare 150 milioni nel 2023.

Un appalto affidato a cinque compagnie, tutte turche (Cengiz, Kolin, Limak, Mapa e Kalyon), che pagheranno 26 miliardi di dollari l'anno per 25 anni. Un'opera che, secondo il governo di Ankara, creerà 225 mila posti di lavoro e garantirà alle casse del Paese entrate per circa 11,5 miliardi di euro l'anno. Ma non è tutto oro quel che luccica. Il quotidiano Cumhuriyet lo scorso marzo ha denunciato la morte di oltre 400 operai, vittime della scarsa sicurezza dei cantieri, ma anche dei ritmi forsennati da mantenere per realizzare il progetto di Erdogan nei tempi richiesti. Le organizzazioni ambientaliste hanno denunciato il disastro ambientale dietro la realizzazione, costata il taglio di un milione di alberi nell'area nord est di Istanbul, per secoli il polmone verde della città.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400