Iba, congresso record a Roma

6500 avvocati da tutto il mondo per discutere di legalità, diritti fondamentali e regole del business

Federico Unnia
toga avvocato

in Italia dell’Annual Conference dell’International Bar Association, la principale organizzazione mondiale di professionisti legali, ordini e associazioni professionali e studi legali allo scopo di promuovere lo sviluppo del diritto internazionale e transnazionale, nonché contribuire alla regolamentazione del futuro della professione legale nel mondo, segna già un record. E’ quello dei partecipanti, con oltre 6000 iscritti. Si questi circa 200 sono donne e i professionisti 475.

“Per la nostra professione e il sistema Paese è un grande successo” attacca Claudio Visco, managing partner di Macchi di Cellere Gangemi, membro del management board e presidente della Bar Issues Commission (Bic), che si occupa in particolare dei rapporti con gli Ordini Professionali e le associazioni legali. “Questa conferenza permette a tutti i professionisti del diritto di sviscerare alcune delle problematiche che colpiscono maggiormente la professione e il sistema economico e sociale in cui operiamo” aggiunge.

La conferenza di Roma e i soggetti che parteciperanno da tutto il mondo offriranno i più diversi esempi di come la professione debba evolversi per adeguarsi alla domanda dei destinatari dei servizi legali soprattutto nei settore del diritto commerciale, societario e finanziario. L’utilizzo dello strumento associativo, che l’Iba rappresenta nel migliore dei modi, resta anche in Italia comunque fondamentale per creare organizzazioni affidabili in grado di interloquire con un mondo imprenditoriale che è pienamente allineato ai migliori standard di mercato e rappresenta lo sbocco necessario per la professione legale.

“La Conferenza Annuale dell’IBA – aggiunge Cecilia Carrara, partner di Legance – Avvocati Associati e Vice Chairs dell’Iba Host Committee – consentirà inoltre ai colleghi italiani di relazionarsi con moltissimi primari studi legali di tutto il mondo, i cui professionisti verranno a Roma. Si tratta di una magnifica occasione di conoscenza e arricchimento professionale, oltre che di visibilità per l’avvocatura italiana. Per tutti coloro che hanno a cuore l’internazionalizzazione della professione legale, è una opportunità irripetibile da cogliere”.

Nella settimana di lavori, tra gli altri temi in discussione, gli impatti dell’Intelligenza artificiale, la cyber security (con la presentazione delle linee guida elaborate da Iba) e la lotta alla corruzione. Il tutto con l’obiettivo di riaffermare, come ha sostenuto Romano Prodi nell’intervento di apertura dei lavori, la certezza e il rispetto delle regole di diritto, anche in contesti economici e sociali complessi come quelli che stiamo vivendo.

L’evento - reso possibile grazie al contributo di alcuni dei più importanti studi legali italiani tra cui Macchi di Cellere Gangemi, Gianni Origoni Grippo Cappelli, Nunziante Magrone, Chiomenti, Cleary Gottlieb, Allen&Overy, NCTM, Legance e Ughi Nunziante - è l’occasione di incontro tra professionisti impegnati nelle diverse operazioni internazionali per discutere di temi di grande attualità quali la cyber security, la diversity e le prospettive future per la professione legale, l'integrità giudiziaria e lo stato di diritto in questi anni di profonda trasformazione dell’economica mondiale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

Economy Mag