Il 5G è già un affare
per le casse dello stato

Redazione Web
Il 5G è già un affare per le casse dello stato

I più ottimisti avevano provato a sognare: «Dalla gara sul 5G – si diceva – potremmo addirittura guadagnare 4 miliardi». E invece perfino i più positivi non sapevano che le previsioni erano sbagliate. Per difetto. Il primo lotto di frequenze mobili di quinta generazione – quello più ambito da 700 Mhz - è stato assegnato a Tim, Vodafone e Iliad per 3,38 miliardi di euro. Ora si passa al secondo lotto, con la banda da 3.700 Mhz. I pretendenti sono: Tim, Vodafone, Iliad e Wind Tre. Proprio quest’ultima, avendo “bucato” la frequenza da 700 Mhz, deve per forza mettere fuori gioco gli altri competitor. Fino ad ora Tim si è aggiudicata due lotti, uno a testa per Wind Tre, Vodafone e Iliad. L’ultima frequenza, poi, sarà quella dei 26 gigahertz (ghz), per la quale al momento ci sono offerte da tutte le compagnie: Vodafone, Tim, Wind Tre, Iliad e Fastweb. E l’erario, almeno una volta, può fregarsi le mani…

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

Economy Mag