Lusso, gigante dai piedi d’argilla (cinese)

Redazione Web
Lusso, gigante dai piedi d’argilla (cinese)

Kering - proprietario di Gucci, tra gli altri marchi - ha registrato i risultati semestrali nei giorni scorsi e, nonostante la forte crescita di tutti i parametri, la quotazione è crollata dell’8% a Wall Street. Perché? Diciamo innanzitutto che Gucci rappresenta oltre il 75% dei profitti di Kering - quindi gli investitori tendono a concentrarsi sulle sue prestazioni come barometro chiave di come l'azienda sta facendo in generale. Il marchio è in fiamme da poco, con una crescita del fatturato di oltre il 35% negli ultimi 18 mesi, quando i giovani consumatori di lusso di tutto il mondo hanno richiesto abiti grandi e sgargianti con il famoso logo a doppia G o con le strisce rosse e verdi del marchio Gucci. E dunque il titolo Kering era vicino ad essere più costoso che mai stato, con un rapporto tra il prezzo e l’utile per azione di oltre venti volte.  Per capirci, LVMH (proprietaria di Louis Vuitton) ha registrato una crescita del fatturato di appena il 12% martedì (circa un terzo di quello di Gucci), ma ha visto il suo prezzo aumentare del 2%. Più in generale, nuvole scure potrebbero incombere sul settore del lusso. I consumatori cinesi sono i re degli acquisti, assorbono un terzo del fatturato totale di queste produzioni. E se la guerra dei dazi li scoraggiasse?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400