I Ceo cinesi diventano miliardari con le Ipo

Redazione Web
I Ceo cinesi diventano miliardari con le Ipo

I Ceo delle startup cinesi stanno incassando stock option da miliardi di dollari al momento dell’Ipo. E’ stato il caso di Colin Huang, Ceo di Pinduoduo, piattaforma e-commerce utilizzata soprattutto sull’app di messaggistica di Tencent con sede a Shangai, che ha ricevuto almeno un miliardo di dollari di stock option slegate dalle performance al momento della preparazione dell’Ipo. Lei Jun, capo di Xiaomi Corp, produttrice di smartphone, ne ha incassato uno e mezzo, senza alcun vincolo, in luglio. È andata meglio nel 2014 a JD.com Inc., che ha elargito 591 milioni di dollari ai suoi vertici al momento della quotazione. Il concetto di un bonus legato

all’Ipo e slegato dalle future performance è inusuale, e solleva il dubbio che queste ricche stock option siano pagate dai futuri azionisti, e potrebbero spingere le startup a quotarsi anche se non sono pronte. Dopo la quotazione, che avverrà sul mercato statunitense, con 85 milioni di azioni vendute a un prezzo tra i 16 e i 19 dollari, Colin Huang, Ceo di Pinduoduo, dovrebbe posseder una fortuna di oltre 8 miliardi di dollari, che farà di lui uno dei 25 uomini più ricchi della Cina.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400