La magia senza tempo di Vasco Rossi

La tappa torinese del rocker di Zocca ha infiammato - una volta di più - il cuore dei fan, ormai sempre più senza età

Daniela Cammarata
La magia senza tempo di Vasco Rossi

Sulle note di Rewind molte si sfilano la maglietta. Avessimo vent’anni meno, probabilmente lo faremmo anche noi. Peccato che nella realtà il nastro non si riavvolga e quindi meglio tenerla su, la maglietta. Non siamo temerarie come il Blasco, che restituisce il favore alle fans lanciando loro l’inseparabile berretto a esibire la sua pelata da 66enne. L’atmosfera è carica, allo stadio di Torino, per la prima serata dell’ennesimo tour del Blasco. Che non delude i suoi fans. Chissà l’energia da dove la prende. A quella della “macchina” ci ha pensato Sorgenia: l’operatore nato nel 1999 con l’avvento del mercato libero dell’energia, main sponsor del tour. E di energia ce n’è voluta parecchia, per alimentare i 150 argani elettrici utilizzati per sospendere le attrezzature dello show e movientarle, i 600 metri quadrati di video, dei quali 510 in movimento con particolari automazioni, sia in senso verticale che in senso longitudinale, i mille corpi illuminanti, per del 90% con tecnologia Led, le 50 sorgenti laser, i 24 punti fianna da dieci metri, di cui 8 installati su supporti motorizzati. E soprattutto per il mezzo milione di Watts di potenza audio che hanno inondato il pubblico da una quindicina di cluster tra frontali, laterali, extra side e delay. Beh, si sono sentiti tutti, ve lo garantiamo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

Economy Mag