Bramini, da vittima a paladino
delle vittime come lui

Redazione Web
Bramini, da vittima a paladino delle vittime come lui

Sergio Bramini, l’imprenditore di Monza divenuto ahilui tristemente famoso per essere stato sfrattato da casa sua dagli ufficiali giudiziari andati a pignorargli l’appartamento per venderlo in una procedura fallimentare, è divenuto consigliere del governo gialloverde proprio sulla materia che lo ha visto ingiustamente perseguitato, quella delle aste giudiziarie. Si sa che Bramini è fallito pur vantando 3 milioni di euro di crediti verso una Asl siciliana alla quale aveva incautamente fornito i propri servizi e che non lo ha pagato perché in dissesto. E la vergogna è che uno Stato, incapace di onorare i propri debiti verso un fornitore privato, sia poi solerte ed anzi inflessibile nel pretendere i propri crediti dalla stessa persona: perché è lo stesso Stato ad aver proceduto con l’escussione del pegno senza riuscire a derogare alle procedure in nome di una giustizia più profonda. Ebbene, di tutto questo si parlerà lunedì 18 giugno nella Sala Tatarella della Camera dei deputati a Roma, alle 14,45, in un convegno dal titolo “Emergenza aste giudiziarie, proposte di modifiche legislative”, condotto e concluso appunto da Bramini, che presenterà – insieme con l’avvocato Biagio Riccio - i contenuti di una nuova proposta di riforma elaborata con il favore del governo gialloverde che dovrebbe quindi rapidamente incontrare l’approvazione del Parlamento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400