Pensioni Enasarco, i consulenti
finanziari non si fidano più

Redazione Web
Pensioni Enasarco, i consulenti finanziari non si fidano più

“Se non ci saranno novità a livello di statuto organizzeremo la raccolta firme per rendere contendibile la Fondazione": Maurizio Bufi, presidente dell’Anasf – che è la potente associazione dei consulenti finanziari – ha usato un’occasione pubblica per criticare duramente la gestione dell’Enasarco, la cassa previdenziale autonoma che amministra le pensioni di circa 230 mila agenti di commercio di varie categorie e specializzazioni, tra cui appunto quella dei consulenti (che una volta si chiamavano promotori) finanziari. In sostanza, Bufi lamenta che la sua categoria sia sotto-rappresentata nel vertice dell’ente, dove si prendono le decisioni chiave sulle modalità di gestione del patrimonio, che ammonta a molti miliardi di euro. Maurizio Bufi, uomo sempre misurato e attento alle parole, stavolta non usa mezze misure: "Quando si fanno degli accordi questi devono essere mantenuti", dichiara. E senza mezzi termini si riferisce al presidente attuale dell’Enasarco, Gianroberto Costa, eletto con il concorso di varie categorie ma rappresentante della Confcommercio che, ovviamente, è il punto di riferimento associativo dell’ente: “E’ stato eletto grazie all'importante contributo della nostra categoria professionale”, dice Bufi, “ed è importante livellare il campo da gioco come era stato stabilito in campagna elettorale. Per farlo bisogna intervenire su Stato e Regolamento elettorale di Enasarco per garantire a tutte le rappresentanze, quindi non solo Anasf, lo stesso trattamento". Ma cos’altro è sensato intravedere dietro questo attacco frontale ma comunque mirato sulle regole? Una sostanziale scontentezza per la gestione dell’ingentissimo patrimonio dell’ente, scontentezza che – vista dall’ottica competente dei consulenti finanziari – appare particolarmente grave, quasi inquietante. Gli iscritti all’Anasf per mestiere si occupano di risparmio gestito, ovvero sono l’unica categorie – tra le tante che confluiscono nell’ente – a capirci qualcosa di come si gestisce, o andrebbe gestito, il risparmio previdenziale. E forse è per questo che Bufi non esclude che l’Anasf possa presentarsi alla prossime elezioni Enasarco da sola.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400