Pagamenti, occhio ai piccoli:
il mercato sarà di pochi

Redazione Web
Pagamenti, occhio ai piccoli: il mercato sarà di pochi

Da Wall Street un netto, anche se indiretto, segnale alla miriade di società digitali di pagamenti elettronici che stanno fiorendo in tutto il mondo. Italia compresa.

Il gigante americano dei pagamenti PayPal ha fatto un’offerta da 2,2 miliardi di dollari per acquisire iZettle, società svedese di pagamenti mobili. Non era mai capitato che offrisse tanto per nessuna delle piccole acquisizioni che aveva fatto finora. Perché?

Semplice: i lettori mobili prodotti da iZettle aiutano le piccole e medie imprese a gestire i pagamenti con carta di credito e di debito, mentre PayPal si concentra ancora in gran parte sulle transazioni online. E oggi l’azienda fondata e (per sua fortuna) venduta da Elon Musk a eBay…è stata venduta da eBay ed oggi vive sul mercato di Wall Street indipendente, da public company, Non ha più quindi il trascinamento automatico dell’enorme flusso di transazioni di eBay, anche se conserva tantissimi clienti acquisiti su quella piattaforma. Con iZettle conta di poter crescere in nuovi luoghi, mettendo piene finanche nei negozi di mattoni e malta. Nell’insieme – è stato il commento di Wall Street - i pagamenti sono un grande business per pochi  grande, cattiva impresa e il suo solo diventare più difficile. Per  i giocatori più piccoli sarà difficile competere e preferanno farsi comprare: quelli validi. Quindi: occhio al business che si può fare investendo nei piccoli “giusti”, destinati ad essere comprati; ed occhio a non farsi bidonare investendo nei piccoli “sbagliati”, destinati a chiudere!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400