Dal Tar del Veneto eccezione costituzionale sui forestali

test test Cognome
FESTA FORESTALE

Il Tribunale amministrativo regionale del Veneto, con l’ordinanza 210 del 22 febbraio 2018, ha posto la questione di legittimità costituzionale della Riforma Madia e del decreto del Governo Renzi, con cui si è inteso assorbire il Corpo Forestale dello Stato nell'Arma dei Carabinieri, militarizzandone il personale.

Aggiungendo ulteriori severe contestazioni alla legittimità dell’assorbimento del Corpo forestale rispetto a quelle già sollevate dal TAR Pescara, i giudici amministrativi veneziani hanno espresso dubbi sulla compatibilità della riforma alla Costituzione, considerando che la libertà dei dipendenti dell’ex Corpo Forestale di scegliere se essere civili o militari, quale libertà fondamentale di ogni individuo garantita dall’art. 2 della Carta Costituzionale, deve prevalere su qualsiasi esigenza di riorganizzazione della Pubblica Amministrazione. I forestali erano infatti una polizia civile, e per la riforma sono diventati militari.

La riflessione dei giudici veneziani, dopo un attento ed esaustivo esame della riforma, è che lo status di militare comporta sensibili limitazioni ai diritti di chi assume questo onere. In particolare, dunque, imporlo a chi era dipendente civile, senza concedere alcuna ragionevole alternativa, contrasta con i diritti e le libertà fondamentali dell’uomo. Deciderà la Corte Costituzionale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

Economy Mag