Fiat 500X 2019: la prova su strada del 1.3 benzina da 150 CV

autoappassionati.it
Fiat 500X 2019: la prova su strada del 1.3 benzina da 150 CV

Quando arrivò sul mercato la 500X rivoluzionò il segmento dei crossover, essendo stato il primo SUV al 100% Made in Italy. A diversi anni di distanza arrivano le prime consistenti novità per la Fiat 500X 2019, si tratta infatti di un profondo restyling che non cambia solo il look alla vettura ma porta in dote nuove motorizzazioni studiate a puntino e condivise con la cugina Renegade 2019 (da noi già provata), con la quale condivide la piattaforma.

Quando arrivò sul mercato la 500X rivoluzionò il segmento dei crossover, essendo stato il primo SUV al 100% Made in Italy. A diversi anni di distanza arrivano le prime consistenti novità per la Fiat 500X 2019, si tratta infatti di un profondo restyling che non cambia solo il look alla vettura ma porta in dote nuove motorizzazioni studiate a puntino e condivise con la cugina Renegade 2019 (da noi già provata), con la quale condivide la piattaforma.

Le modifiche riguardano principalmente la parte anteriore, dove sono stati introdotti nuovi fari full LED con DRL LED, in modo da omologarsi con quello del resto della rinnovata famiglia 500. Metro alla mano la Fiat 500X non si è ingrandita: è lunga 4 metri e 25 centimetri, larga 180 centimetri e alta 161 centimetri, e anche dentro si sta comodi, meno che sulla cugina Jeep Renegade, ma comunque in quattro si viaggia bene. A differenza di altre vetture del segmento, la vita a bordo, sia per gli occupanti dei posti anteriori che posteriori è molto comfortevole. Dietro c’è però poco spazio in lunghezza, molto meglio in larghezza. E il divano è però poco morbido e poco sagomato.

Il bagagliaio, con l’utilissimo doppio vano che elimina lo “scalino” di ingresso, propone una capienza che va da 350 a 1.000 litri. Curata nei dettagli e nei materiali, porta con sé tutti i lati fashion tipici della famiglia 500 aggiungendo qualità. Tutta la strumentazione è ben posizionata ed a portata di mano. Nel complesso la vettura è ben assemblata, stilisticamente moderna e personalizzabile. La 500X è senza dubbi una delle Fiat migliori di sempre, l’azienda crede molto in questo prodotto e i presupposti per battagliare con la concorrenza ci sono tutti.

All’interno nuovi rivestimenti, nuovo volante, strumentazione più visibile e sistema di infotainment da 7 pollici. Dentro la Fiat 500X 1.3 150 CV il quadro strumenti è stato reso più leggibile, contrariamente ad alcune concorrenti rimane analogico, con il solo display centrale TFT da 3,5 pollici. Nuovo anche il volante dalla corona spessa e sagomato in techno-pelle, che assicura una migliore ergonomia. La tecnologia si presenta con l’ormai famoso sistema Uconnect 7” HD LIVE touchscreen con compatibilità Apple CarPlay e Android Auto.

Questo sistema si caratterizza per l’interfaccia Bluetooth con vivavoce, lo streaming audio, il lettore di SMS e il riconoscimento vocale, le porte Aux e USB con l’integrazione di iPod, i comandi al volante, mentre, a richiesta, si aggiungono la telecamera di parcheggio posteriore e il nuovo sistema integrato di navigazione TomTom 3D.

L’offerta prevede sei motorizzazioni, due trazioni – anteriore o integrale – e quattro cambi, c’è il manuale a cinque marce, il manuale a sei marce, l’automatico DTC doppia frizione a sei marce e l’automatico a nove rapporti. Già conforme alla severa normativa EURO 6d-temp, la nuova motorizzazione, oggetto della nostra prova, turbo benzina FireFly 4 cilindri 1.3 da 150 CV e 270 Nm di coppia è offerta in abbinamento al cambio automatico a doppia frizione TCT a sei marce e alla trazione anteriore.

Da record la riduzione peso, grazie all’ampio ricorso alle leghe di alluminio, usato anche per la realizzazione del basamento a tutto vantaggio della massa totale. L’iniezione diretta di benzina per massimizzare l’efficienza volumetrica e il turbocompressore a inerzia ridotta gestito da un attuatore wastegate a comando elettrico sono altre due chicche tecnologiche che permettono ai due nuovi motori una risposta sempre pronta in ripresa. Lo Start and Stop è finalmente più veloce che in passato a riavviare il motore.

Con questo propulsore la nuova Fiat 500X passa da 0 a 100 km/h in 9,1 secondi (-0.7 rispetto al “vecchio” 1.4 Multiair) e raggiunge la velocità massima di 200 km/h (+10km/h). Il brio non manca, quindi, grazie soprattutto alla coppia massima già presente a partire da 1.800 giri circa, così come l’allungo abbastanza generoso.

Il cambio TCT è abbastanza intuitivo nella logica, ma quando la guida si fa più allegra, fa un po’ di fatica a tenere il ritmo. Va un po’ meglio se lo si gestisce attraverso i paddle al volante, ma non è comunque dei più fulminei nei passaggi di rapporto.

Molto interessante, invece, lo sterzo, che soffre di qualche vuoto in mezzo, ma, al contrario del cambio, più la guida aumenta di ritmo, più diventa preciso e diretto, mantenendo sempre una leggerezza molto cittadina.  I comandi radio sono nascosti dietro le razze, se sulle prime sono difficili da manovrare.

Alla guida, infatti, la Fiat 500X 1.3 150 CV si rivela molto dinamica per essere un SUV compatto, affrontando le curve in modo veramente piacevole grazie ad un giusto rollio, ma mai eccessivo. L’assetto è stato ottimizzato veramente bene: assorbe bene le buche, ma non si fa trovare impreparato durante gli appoggi in curva. Dossi, avvallamenti e asfalti sconnessi non sono un problema, ma non lo sono neanche i curvoni ad alta percorrenza, dove la 500X trasmette una buona sicurezza e agilità. Se si esagera entra in causa l’elettronica, che monitora molto attentamente il comportamento della vettura, senza essere invasiva. Molto buona anche la frenata. In città invece si manovra facilmente, con una buona visibilità, aiutata dai sensori di parcheggio anteriori e posteriori e dalla telecamera posteriore.

In autostrada si sente solo qualche fruscio dai generosi specchi esterni a circa 130 km/h, dove peraltro il motore invece gira abbastanza in basso: a soli 2.900 rpm.

Il restyling della 500X non è solo al livello di design e motorizzazioni, ma anche di tecnologia al servizio della sicurezza, attraverso gli ultimi sistemi di assistenza alla guida ormai irrinunciabili per tenere il passo con la concorrenza. Tra le maggiori novità il “Traffic sign recognition”, che riconosce i segnali stradali, lo “Speed advisor”, che consente al conducente di adattare con un semplice click la propria velocità di marcia ai limiti stradali riconosciuti, e il sistema di mantenimento automatico della corsia “Lane Assist”.

Sono disponibili su richiesta il sistema di ausilio durante i cambi di corsia per coprire anche gli angoli ciechi (“Blind Spot Alert”); il Safety Distance Manager (“ACC”) che adatta la velocità della vettura a quella del traffico e alla distanza del veicolo che precede e il sistema di frenata assistita (“Autonomous Emergency Brake”). Con questi accorgimenti virtualmente la Fiat 500X potrebbe riottenere la quinta stella che nel 2015 l’EuroNCap gli aveva negato, causa l’assenza dell’AEB di serie. Non mancano ovviamente il corredo di airbag e dispositivi elettronici, per la sicurezza attiva.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400