CityLife vola “alto” e incanta Milano

Elisa Stefanati

Occupazione, design, sostenibilità e business chiavi di successo per lo shopping center più grande d’Italia

È il “mall” più grande d’Italia: uno spazio di design da 32.000 metri quadrati con 100 negozi ed un’offerta merceologica che va dalla ristorazione all’abbigliamento, dal tempo libero alla tecnologia,  passando per medicina e benessere.  Design, qualità dei servizi, sostenibilità sono  gli ingredienti per un’operazione di successo inaugurata poche ore fa a Milano in una cornice di grande suggestione, resa incantevole da uno spettacolo  di  luci laser. I numeri parlano chiaro: 1500 sono i posti auto interrati, la linea metropolitana è la Lilla e si chiama Tre Torri.

Il costo complessivo dell’investimento è di 2 miliardi euro,  ed i posti di lavoro sono 600, con la prospettiva di lievitare ad 800, come sottolineato nella conferenza stampa di presentazione da Armando Borghi, Ceo di CityLife e da  José Maria Robles, direttore Property Sponae Sierra Italia. Il nuovo Shopping District punta ad intercettare un volano  di 700mila abitanti fungendo da area di richiamo sociale e business.  Da soli, i 3 grattacieli (quelli attuali di Allianz e Generali, il terzo è in costruzione) occuperanno circa 9mila persone.

La Torre progettata da Arata Isozaki con Andrea Maffei, è alta 202 metri di altezza per 50 piani e ospita l’esercito di Allianz a Milano. La seconda torre progettata da Zaha Hadid  è alta 170 metri per 44 piani diventerà la sede del gruppo Generali.  I negozi e i servizi saranno aperti dal lunedì alla domenica, dalle 9 alle 21 (i ristoranti fino alle 22): si può trovare di tutto, il Cinema con 1200 posti  a sedere, Apple, Ovs, Dji , un’attività che vende i droni e  Huawey, ma anche  Habitat, barnd francese dedicato alla casa, Chantelle Lingerie, il primo ristorante messicano in Italia della catena Fresh Mex Cavalera e Dm Drogerie Markt, negozio del drugstore austriaco.

Ma si potrà fare la spesa anche presso il Supermercato Carrefour, andare dal parrucchiere ed in lavanderia. È stato inaugurato anche un centro diagnostico dove si potranno fare prelievi e funzionerà da ambulatorio. E tra i progetti imprenditoriali d’eccellenza si segnala la  clinica estetica, Juneco,  una  nuova clinica di medicina e chirurgia estetica che propone un approccio alla salute ed al benessere all’avanguardia. La sfida di Juneco è di consentire a tutti di accedere ai trattamenti più innovativi di medicina e chirurgia estetica utilizzando solo prodotti certificati con elevati standard qualitativi, in ambienti moderni con medici qualificati ma a prezzi adeguati. Il contesto è quello di  cliniche tecnologicamente all’avanguardia aperte 7 giorni su 7 e con la possibilità di finanziamenti e rateizzazioni fino a 60 mesi.

"Al debutto a CityLife seguirà un ambizioso  piano di  sviluppo sul territorio nazionale - spiega il Ceo Claudio Poggio ed uno dei fondatori del brand Juneco insieme ad Angelo Riva e Carlo Gianuzzi -  a questa prima apertura seguiranno 4 cliniche nel 2018 e 5 all’anno per i successivi per arrivare a 20 aperture in 5 anni”.  “Si tratta di una scelta importante che si basa su un solido  know how ed un’autorevole reputazione da spendere per il futuro sviluppo del marchio – aggiungono i fondatori di Juneco -  per diventare punto di riferimento di eccellenza nel settore”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

Economy Mag