Twitter emette
obbligazioni e vive felice

Redazione Web
Se Twitter emette obbligazioni e vive felice

Il social network dell’uccellino blu, Twitter, ha rivelato la scorsa settimana che raccoglierà 1 miliardo di dollari vendendo obbligazioni sul mercato, obbligazioni convertibili in azioni della stessa Twitter.  E’ un particolare importante, perché le obbligazioni convertibili sono esattamente come le obbligazioni normali, ma hanno il potenziale per diventare azioni della società che le emette. Possono essere interessanti per gli investitori perché, oltre al pagamento regolare degli interessi, offrono l'opportunità di diventare soci (se tutto va bene: dal momento che la conversione dipende di solito dal prezzo delle azioni). Le società che offrono obbligazioni convertibili, in genere beneficiano del pagamento di tassi di interesse inferiori rispetto a quelli che pagherebbero sulle obbligazioni tradizionali (Twitter pagherà solo lo 0,25% sul suo nuovo debito) e potenzialmente diluiscono il valore delle loro azioni in misura inferiore rispetto a quanto avverrebbe con le azioni tradizionali (dal momento che non ci sono obbligazioni convertibili di garanzia si convertiranno in nuove azioni).

In generale va detto che i titoli delle aziende tecnologiche statunitensi hanno avuto una forte ripresa, raggiungendo livelli record la scorsa settimana, perchè gli investitori non temono più la "bolla tecnologica”. Infatti anche altre aziende hi-tec, come Etsy e Zendesk, stanno approfittando dei prezzi elevati delle azioni emettendo le proprie obbligazioni convertibili. Così, mentre il tasso di interesse medio complessivo sulle obbligazioni convertibili quest'anno è del 2,5 per cento, le imprese tecnologiche pagano in media solo l'1 per cento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

Economy Mag