Rai, Salini tenta il rinvio delle nomine ma Salvini pressa

Un'indiscrezione esclusiva: domani l'amministratore delegato della Rai, in Commissione di Vigilanza, intende annunciare la propria intenzione di rinviare le cruciali nomine al vertice delle direzioni di rete a dopo il Festival di Sanremo. Ma il leader leghista e vicepremies non ci sta: nomine subito, come promesso al Paese.

Monica Setta
Rai, Salini tenta il rinvio delle nomine ma Salvini pressa

L'indiscrezione arriva dal settimo piano di viale Mazzini: domani l'ad Fabrizio Salini andrà in vigilanza Rai per annunciare che i direttori di rete restano fino a Sanremo.  Ottimo colpo per Angelo Teodoli e Andrea Fabiano  (Stefano Coletta è amatissimo e per nulla in discussione; sarà comunque confermato) che potrebbero così continuare a lavorare con serenità mettendo a punto anche i palinsesti dell'inverno 2019. Fin qui i desiderata di Salini che però a quanto risulta a Economy non coincidono con gli obiettivi della Lega. Ieri sera il vice premier Matteo Salvini ha sentito il presidente Rai Marcello Foa per accelerare cioè andare in senso esattamente opposto a quello dell'ad Rai. Salini fa dell'autonomia una bandiera e su un punto ha già incassato un grosso successo. Tra i nomi delle reti non figura Casimiro Lieto che sembrerebbe destinato ad un'altra importantissima poltrona Rai. Salvini vuole accelerare soprattutto il cambiamento per mantenere le promesse fatte agli elettori.  Che senso avrebbe far finta di cambiare per tenere gattopardescamente tutto come era?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400