GESTIRE L'IMPRESA

La risorsa umana... con l’intelligenza artificiale

Chi ha adottato nuove soluzioni tecnologiche per far fronte all’emergenza Covid-19 continuerà a utilizzarle. Così Randstad ha scelto come partner Inventia, società del Gruppo Crif, per innovare i processi di selezione

Alessandro Faldoni
La risorsa umana... con l’intelligenza artificiale

Da una parte del tavolo il candidato, a snocciolare competenze e pregresse esperienze, modulando tono di voce e gestualità in modo da impressionare (favorevolmente, s’intende) il selezionatore. Dall’altra parte del tavolo, l’head hunter, il “cacciatore di teste”, intento a cogliere la preda senza farsi sfuggire il minimo particolare. Sono scene che presto dimenticheremo, perché la pandemia, se non altro, ha dato una sferzante accelerata anche all’HR management. Figuriamoci se ci si può permettere ancora, in tempi di Covid, il confronto vis-a-vis. 

Basta seguire l’esempio dei big, per rendersi conto di come tutto stia cambiando molto velocemente. Randstad, tra le più importanti agenzie per il lavoro al mondo, ultimamente ha aggiunto un ulteriore elemento tecnologico a servizio del candidato, che da oggi può effettuare un’identificazione sicura e a norma di legge completamente online. E lo ha fatto grazie a un’azienda italiana: Inventia, leader nello sviluppo di soluzioni di engagement e identificazione digitale. Società del Gruppo Crif, Inventia nasce nel 2012 con la mission di rivoluzionare il mondo del Customer Engagement, grazie alle proprie soluzioni tecnologiche e di processo, in grado di anticipare le più attuali esigenze di mercato. Soluzioni che, oggi più che mai, si rivelano essenziali per guidare i processi di innovazione digitale delle aziende, specie nell’ambito dell’erogazione dei servizi ai clienti tramite l’utilizzo dei canali digital del web e delle App.

Inventia (Gruppo Crif) è nata con la missione di rivoluzionare il customer engagement anticipando le esigenze di mercato

L’innovazione digitale nella strategia globale di Randstad

Innovare è da sempre al centro della vision di Randstad, ed è ciò che le ha consentito di diventare la più grande multinazionale nell’ambito dei servizi HR di executive search, selezione, formazione di Risorse Umane e somministrazione di lavoro. Il percorso di digitalizzazione di Randstad è iniziato già diversi anni fa, con l’obiettivo strategico di mettere l’evoluzione delle tecnologie e i loro vantaggi al servizio di clienti e candidati. «L’innovazione è sempre stata nel Dna di Randstad e la tecnologia rappresenta il cuore pulsante della nostra società. L’obiettivo dell’innovazione deve sempre essere quello di mantenere la persona al centro dei processi; questo approccio lo chiamiamo ‘human touch’», spiega Alessandro Selmi, Business Operations & Payroll Director di Randstad.

In particolare, Randstad oggi vive il cambiamento come un processo di mutazione profonda a livello di pratiche interne e di rapporto con clienti e candidati, ricco di opportunità per vincere la competizione del mercato, ma al contempo non privo di sfide culturali oltre che organizzative. Sfide e opportunità che acquisiscono ulteriore significato nel contesto straordinario del Coronavirus. La pandemia ha determinato una forte accelerazione dei processi d’integrazione delle tecnologie digitali, per adattarsi alla cosiddetta “nuova normalità”, fatta di distanziamento, conference call, processi automatizzati e digitalizzati dall’inizio alla fine. Un’accelerazione che investe tutti, e che le aziende innovative hanno l’onere di inseguire o, per meglio dire, l’onore di guidare.

«Nel corso degli ultimi mesi abbiamo assistito ad una crescita senza precedenti dell’interesse del mercato verso soluzioni tecnologiche digital, in grado di rispondere ai bisogni delle aziende durante la crisi del Covid-19. A livello mondiale si rileva un aumento di oltre il 300% nell’utilizzo di soluzioni di videoconferenza e di quasi il 130% nell’uso della firma digitale», aggiunge Antonio Minosi, General Manager di Inventia. «E stando ai recenti sondaggi, circa l’87% delle società che hanno adottato nuove soluzioni tecnologiche per far fronte all’emergenza Covid-19, hanno un approccio prospettico che ne pianifica il consolidamento per continuare ad utilizzarle in futuro. In tale scenario, Inventia mette a disposizione la propria tecnologia brevettata e si pone come protagonista assoluto di questa nuova rivoluzione digitale», conclude Antonio Minosi, General Manager di Inventia. 

Negli ultimi mesi si registra una crescita senza precedenti dell’interesse del mercato verso soluzioni digitali

Una partnership per innovare il “candidate journey”

La collaborazione tra Inventia e Randstad - nata nel corso del 2019 grazie a Cribis, società del Gruppo Crif specializzata nei servizi di business information e intelligence - si è basata sulla necessità di innovare il processo di candidatura e selezione di un candidato, per consentire alle persone di continuare la propria ricerca di una posizione lavorativa in modalità totalmente remota, sfruttando appieno la fruibilità dei canali digitali. 

Nell’ultimo periodo, a causa della crescente necessità globale di adottare strumenti digitali per far fronte alla crisi sanitaria, la collaborazione tra le due Aziende si è fortemente intensificata con l’obiettivo della trasformazione digitale, in tempi brevi, di quelle fasi del “candidate journey” che non erano ancora fruibili da remoto. Per farlo, si è agito sullo step di preassunzione (“pre-hiring”), che precede la formalizzazione del rapporto lavorativo e che di norma richiede diversi incontri in presenza, per la raccolta di tutta la documentazione che precede la sottoscrizione del contratto di lavoro. Intervenire su questa fase, e in questo particolare momento storico, ha consentito a Randstad di agevolare tutti i candidati che, avendo già superato con successo le fasi preliminari del processo di selezione, devono solo finalizzare le pratiche necessarie alla formalizzazione del nuovo rapporto lavorativo. Digitalizzare la fase di preassunzione permette di ridurre i tempi di inserimento al lavoro, ma per farlo era necessario poter identificare i candidati in modo sicuro ed efficace direttamente online, senza necessità di incontri in presenza tra personale Randstad e candidato.

Le soluzioni di Onboarding di Inventia, basate su tecnologie di Intelligenza Artificiale e biometria facciale, sono asset primari in grado di servire l’intero ‘candidate journey’, oltre che ogni fase del Customer Engagement, grazie a processi e servizi evoluti come il Video Advisory per il mondo Enterprise. 

Randstad ha individuato in Smart ID la soluzione Inventia ideale per identificare in sicurezza i candidati su tutti i canali digitali. «Grazie alla tecnologia di Inventia siamo riusciti a completare un percorso di trasformazione digitale importantissimo che consente ai nostri candidati/lavoratori di effettuare l’intero ‘candidate journey’ da remoto. In questo modo contiamo di garantire loro e, di riflesso, alle nostre aziende clienti, una modalità di relazione con Randstad innovativa e al passo con le nuove esigenze di flessibilità e semplificazione che pervadono il nostro mercato», continua Alessandro Selmi, Business Operations & Payroll Director di Randstad.

La procedura di identificazione si basa sul confronto automatico “ai-driven” basato sulla tecnologia biometrica di Inventia

Caratteristiche della soluzione implementata da Randstad

Ma come funziona Smart ID? La soluzione Inventia fornisce alle aziende un potente strumento per effettuare un processo smart di identificazione remota dell’utente, grazie a un’efficiente sinergia tra l’Intelligenza Artificiale e l’operatore umano di back-office. 

Sviluppata in tempi rapidissimi, la soluzione è live e accessibile tramite le piattaforme web di Randstad all’interno dell’area personale del candidato, che potrà fruire del servizio in modalità sicura e user friendly. 

La procedura d’identificazione prevede pochi passaggi: parte con l’acquisizione automatica di una foto del volto del candidato e del suo documento di riconoscimento, a cui segue un confronto automatico “AI-Driven”, basato sulla tecnologia biometrica Inventia, tra il volto del candidato e la sua foto estratta dal documento acquisito, confronto che fornisce un esito di corrispondenza e identificazione. Il candidato può così completare il processo in pochi minuti e in qualsiasi momento, semplicemente utilizzando il proprio dispositivo mobile connesso alla rete Internet. Conclusa questa fase del processo, la pratica viene inoltrata al back-office Randstad dove un operatore dedicato conferma e finalizza l’identificazione in modo agevole e veloce, grazie ad un’interfaccia user friendly e ad un processo di validazione preconfigurato, realizzato in conformità con gli obblighi di legge nazionali.

E se il candidato avesse problemi durante il processo automatico guidato? In linea con l’approccio “human touch”, che permea ogni aspetto del modo di operare di Randstad, Smart ID consente di instaurare una comunicazione audio/video tra il candidato e un operatore Randstad che, agendo sulla base delle informazioni già raccolte dal sistema, può portare a termine il processo d’identificazione senza interruzioni, ottimizzandone la user experience. «Siamo molto soddisfatti della partnership con Randstad. Il valore che ne scaturisce è chiaro: un processo snello ed efficiente, che consente all’Azienda di erogare servizi ai propri utenti, con enorme risparmio di tempo e risorse. Tanto basterebbe a renderla un esempio di ‘efficace trasformazione digitale’, ma la situazione contingente in cui l’iniziativa si è realizzata le conferisce un valore ulteriore», aggiunge Antonio Minosi, General Manager di Inventia. «La ricerca del lavoro non si ferma e la tecnologia aiuta, oggi come in futuro. Questo lo scopo principale dell’innovazione, che deve mirare a rendere la vita più semplice anche quando le cose sembrano complicarsi. Situazioni come quella che stiamo vivendo possono rappresentare un’opportunità per dar vita a progetti sfidanti, in qualsiasi settore e a beneficio di tutti. La missione di Inventia è proprio questa: innovarsi per innovare, migliorare e modernizzare le ‘esperienze’ d’uso di ogni giorno, a qualsiasi livello»,  conclude Antonio Minosi.

Le aziende partner

Presente in 38 Paesi con oltre 4.800 filiali e 38.820 dipendenti per un fatturato complessivo che ha raggiunto nel 2019 i 23,7 miliardi di euro - Randstad è l’agenzia leader al mondo nei servizi HR. Presente dal 1999 in Italia, Randstad in Italia conta ad oggi circa 2300 dipendenti e 300 filiali a livello nazionale. 

Inventia è nata nel 2012 con l’obiettivo di innovare i processi di Customer Engagement tramite soluzioni digital che fin da subito si sono dimostrate pionieristiche. Oggi, Inventia si posiziona come leader anche nell’ambito dell’identificazione digitale del cliente, sia in modalità Self, con tecnologie basate su biometria e intelligenza artificiale, sia in modalità assistita con operatore remoto. Ciò consente ad Inventia di offrire al mercato soluzioni abilitanti per l’intero customer journey, dal primo contatto col cliente fino alla firma digitale di un contratto. A partire dal 2019 Inventia è entrata a far parte del Gruppo Crif, rafforzandone la leadership nelle soluzioni di digital onboarding. Fondata a Bologna nel 1988, oggi Crif è una end-to-end knowledge company, tra le top 50 società FinTech su scala globale (Idc Fintech Ranking), che opera in 4 continenti. Oltre 6.300 istituti finanziari, 55.000 imprese clienti, 340.000 consumatori utilizzano servizi Crif in 50 Paesi. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400