Housers, la prima piattaforma di crowdfunding immobiliare

Marco Scotti
Housers_Spaces

Housers finanzia progetti di real estate. Nei primi tre mesi investito un milione

Sbarca anche in Italia Housers, la prima piattaforma di crowdfunding immobiliare del Sud Europa. Nata in Spagna nel 2015, in due anni ha raggiunto oltre 65mila utenti di 112 nazionalità. Come funziona? Housers seleziona immobili nelle principali città del Sud Europa, pubblica le opportunità di investimento, fornendo dettagli per la valutazione, rende l’utente indipendente di decidere dove e quanto investire e distribuisce i rendimenti derivanti dall’affitto o dalla vendita dell’immobile.

Una sorta di democratizzazione del mercato immobiliare che consente potenzialmente a chiunque di investire a partire da 50 euro. In due anni sono stati finanziati 142 immobili con 30,25 milioni di euro. La rivalutazione degli attivi è intorno all’8,9%, mentre la rendita annua è del 4%. L’obiettivo dopo lo sbarco in Italia è di raggiungere 30.000 utenti nei primi 12 mesi, con 10 milioni di euro per circa 35 immobili tra Milano, Roma e Torino. Intanto sono stati selezionati quattro immobili a Milano.

Il primo in via Col di Lana (Zona Bocconi), il secondo in Via Donadoni (zona Bovisa), il terzo – finanziato in un tempo record di soli sei giorni per il valore di 150mila euro – in via Breda (zona Bicocca) e il quarto pubblicato il 12 Settembre in via Fauchè (zona Sempione).

“La prima ondata della crowd-economy – ha detto Alessandro Lerro, Presidente AIEC (Associazione italiana Equity Crowdfunding – ha accompagnato la gente verso l'economia reale, con investimenti vicino al territorio e a nuove realtà imprenditoriali non quotate. Con la maturazione dei modelli, ora cominciano ad emergere specifiche asset class che orientano gli interessi degli investitori e la prima che si va delineando è quella del mercato immobiliare, che gli italiani conoscono bene, che capiscono e che ha una rischiosità piuttosto contenuta, compatibile con profili e aspettative di gran parte della popolazione”.

"Il mondo del real estate – spiega Giancarlo Giudici, Direttore Osservatorio Crowdfunding Politecnico di Milano – è uno degli ambiti di maggiore sviluppo per il crowdfunding in Europa, ma in Italia non ha ancora espresso la sua potenzialità. Nelle sue diverse varianti, attraverso investimenti in capitale di rischio o capitale di debito, il crowdfunding potrà dare un contributo significativo all'ammodernamento del patrimonio immobiliare italiano consentendo agli investitori di diversificare il rischio”.

“Le prospettive dei mercati immobiliari europei – ha detto Mario Breglia, Presidente di Scenari Immobiliari – sono in netto miglioramento, con un trend migliore dell’economia in generale. La ripresa è trainata da una domanda in crescita in quasi tutti i settori e dalla richiesta di prodotti di qualità. Solo in Italia la ripresa appare più debole e poco supportata dal credito bancario.”

“La possibilità di accesso al mercato immobiliare – spiega Luca Dondi, CEO di Nomisma – anche con cifre modeste rappresenta un’opportunità interessante in una fase in cui il comparto restituisce segnali di ripresa e gli impieghi alternativi continuano a garantire ritorni modesti. In tale quadro, la capacità di selezione, gestione e valorizzazione degli asset rappresenta un elemento imprescindibile per riuscire a fare sì che i buoni presupposti si trasformino in rendimenti. Il successo del modello in altri Paesi costituisce senz’altro un buon viatico, ma è sulla conoscenza delle caratteristiche del mercato italiano che si giocherà il successo dell’iniziativa.”

“Il fenomeno del fintech – ha detto Fabio Brambilla, fondatore di Fintastico – è purtroppo ancora marginale in Italia, ma sta pian piano crescendo l’interesse delle realtà fintech europee per il mercato italiano e Housers ne è l’esempio. È importante che realtà come Housers si facciano conoscere tra i consumatori italiani, trasmettendo un vero segno di discontinuità e di rivoluzione nella modalità di investimento immobiliare.”

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400