Peloton, l’anti-Tecnogym miracolata dal coronavirus

Redazione Web
Peloton, l’anti-Tecnogym miracolata dal coronavirus

C’era una volta la classica macchina da palestra, venduta anche ai privati perché se la installassero a casa loro e vi svolgessero tristi sedute di allenamento in solitaria: cyclette per dimagrire, tapis-rulant per sudare. Peloton è la start-up americana che nel 2012 si è fatta finanziare da Kickstarter ed oggi è un caso di successo a Wall Street, al punto da impensierire i colossi del settore, perché sta proponendo un modello imperniato sulla interattività. Il cliente non acquista solo l’apparecchio ma l’abbonamento alle lezioni, e può organizzarsi le sue sedute di allenamento in gruppo virtuale come vuole.

Non è un caso che nell’ultimo trimestre le azioni di Peloton siano salite a nuovi massimi, perché la società ha triplicato le entrate. La pandemia ha diviso il mercato azionario in vincitori e vinti quest'anno, e senza dubbio Peloton (PTON) è uno dei maggiori vincitori del 2020. Aveva avuto un inizio difficile quest'anno. Lo spot natalizio non era piaciuto. E i prezzi sembravano a tutti troppo cari. Poi è arrivato il coronavirus e ha chiuso le palestre di tutto il mondo. I prodotti Peloton sono diventati talmente richiesti che l'azienda ha segnalato gravi limitazioni dell'offerta nel terzo trimestre, che hanno di fatto spinto gli ordini nel quarto trimestre. Questo è stato l'inizio del quarto trimestre di Peloton, il suo periodo più forte in assoluto. Naturalmente, gli ordini non evasi sono una cosa terribile dal punto di vista delle operazioni o dei clienti, ma ciò che questo fa capire agli investitori è che i consumatori stanno acquistando i prodotti Peloton più velocemente di quanto l'azienda possa farli.

Questo è indicativo della velocità con cui Peloton sta rivoluzionando l'industria del fitness. Negli ultimi anni, la mania per il benessere e la vita sana ha spinto molti americani ad acquistare pacchetti relativamente costosi per le lezioni di ginnastica/allenamento presso studi come Orange Theory, ma con la chiusura di molte palestre, avrebbe senso che molti di questi appassionati di fitness spendessero anche per un'esperienza Peloton simile a casa. Peloton ha persino dimostrato il suo valore ai consumatori, proponendo un costo complessivo di fitness più basso nonostante l'investimento iniziale in hardware (l'accesso illimitato alle lezioni dal vivo di Peloton costa 39 dollari al mese, mentre i pacchetti di classe a seconda della palestra e della frequenza di frequenza possono essere di circa 100 dollari al mese o più).

Peloton sta anche adattando il suo successo iniziale in bici da corsa e si sta espandendo in altre categorie come il Peloton Tread. In futuro, ci sono una varietà di categorie di attrezzature per il fitness più accessori che Peloton può sviluppare, posizionando Peloton come un ecosistema di dispositivi per il fitness collegati piuttosto che come una singola azienda di hardware.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400