Pakistan, l’incredibile truffa
dei falsi piloti civili

Redazione Web
Pakistan, l’incredibile truffa dei falsi piloti civili

Il ministro dell'aviazione pakistano ha rivelato mercoledì che quasi un terzo dei suoi piloti civili hanno licenze false e non sono qualificati per volare. Il ministro ha detto che 262 degli 860 piloti attivi del Paese "non hanno sostenuto l'esame in prima persona" e hanno pagato qualcun altro per sostenere l'esame per loro conto. "Non hanno esperienza di volo", ha detto. Pakistan International Airlines (PIA), la compagnia aerea nazionale di bandiera del Paese, ha messo a terra tutti i suoi piloti in possesso di licenze false, con effetto immediato. L'annuncio di mercoledì faceva parte di un rapporto preliminare su un incidente aereo che ha ucciso 97 persone nella città meridionale di Karachi il 22 maggio. L'aereo della PIA si è schiantato dopo il decollo da Lahore, uccidendo tutti i passeggeri e l'equipaggio a bordo, tranne due. Il rapporto rivela che i piloti stavano chiacchierando del coronavirus e hanno ripetutamente ignorato gli avvertimenti dei controllori di volo prima che l'aereo precipitasse in una zona residenziale vicino all'aeroporto.

"I piloti stavano discutendo del corona durante tutto il volo. Non erano concentrati", ha detto il ministro. I controllori di volo hanno detto tre volte ai piloti che l'aereo era troppo alto e che non avrebbero dovuto tentare di atterrare, "ma il capitano non ha prestato attenzione a queste istruzioni".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400