gestire l'impresa

La mobilità sostenibile
diventa digitale e condivisa

Sorgenia scommette sul Community mobility sharing: tre auto elettriche sono a disposizione dei 250 dipendenti della sede, gestite da un’app di GaiaGo per ottimizzarne l’utilizzo

Marina Marinetti
La mobilità sostenibile diventa digitale e condivisa

Alberto Bigi
(Chief of Innovation & Development di Sorgenia)


Quante auto occorrono per muovere 250 persone? Ne bastano appena tre. È la scommessa di Sorgenia, la prima digital energy company italiana, che ha deciso di estendere il suo concetto di energia sostenibile, digitale e condivisa, anche alla propria mobilità. Da gennaio, infatti, i dipendenti di Sorgenia hanno a disposizione tre Zoe (la city car elettrica di Renault, ne parliamo anche a pag. 126) da utilizzare in condivisione per gli spostamento in città. E se tre auto per 250 persone vi sembrano poche, sappiate che non è una questione di “braccino corto”, anzi: la scelta del numero di automobili è stata fatta in base al calcolo delle ore di mobilità dei dipendenti, così da massimizzarne l’uso, evitando inutili sprechi, in un’ottica di diminuzione delle emissioni di C02, riduzione del traffico e del numero di veicoli sulla strada. Il progetto di Sorgenia sfrutta GaiaGo, la prima piattaforma di mobilità elettrica perfettamente integrata con la proprietà, in cui gli utenti possono condividere un’auto nel loro edificio attraverso l’app dedicata. GaiaGo fornisce ai propri partner (Sorgenia, in questo caso) le soluzioni digitali e fisiche per rendere l’edificio un vero e proprio smart building, integrando soluzioni di car sharing residenziale, in esclusività delle proprie strutture tutte app based, sicure e protette. «Abbiamo abbracciato con entusiasmo questo progetto perché identifica un nuovo paradigma in termini di mobilità», spiega dice Alberto Bigi, Chief of Innovation & Development di Sorgenia. «Il futuro, infatti, non sarà semplicemente rappresentato dall’uso sempre più diffuso di auto elettriche, ma anche dalla consapevolezza che serviranno sempre meno macchine: potranno essere usate da più persone in base alle reali necessità. Questo è per noi un ulteriore passo verso un mondo sempre più sostenibile e in cui ciascuno fa la propria parte». Il progetto unisce la visione che Sorgenia ha dell’energia con la missione di GaiaGo di diffondere un modello di mobilità inclusiva, sostenibile e basato sulla condivisione. L’iniziativa, inoltre, è in linea con la realizzazione, all’esterno della sede di Sorgenia, di una serie di colonnine di ricarica per le auto elettriche gratuite e completamente interoperabili. «Abbiamo capito di non aver bisogno di flotte enormi», continua Bigi: «a patto di ottimizzarne la gestione».

La scelta del numero di vetture è stata fatta in base al calcolo delle ore di mobilità dei dipendenti in modo da massimizzarne l’utilizzo

Il progetto nasce dall’idea che la mobilità possa essere fruita in modo condiviso all’interno di una comunità (un edificio, in questo caso la sede di Sorgenia) in modo digitale. È la nuova formula del community mobility sharing, la forma evoluta del car sharing. Resa possibile, appunto, dalla piattaforma digitale GaiaGo. «Oltre allo sblocco dell’auto, attraverso l’app ne viene calendarizzato l’utilizzo, calibrando le prenotazioni, possono essere effettuate per più utilizzi. Si tratta di un elemento che finora non esisteva nel mercato del car sharing», spiega Mattia Zara direttore marketing GaiaGo. Non solo: ogni utilizzatore a fine viaggio avrà identificato quanta CO2 ha risparmiato, quanti km ha percorso in meno, per essere coscienti di cosa significa una piattaforma di mobilità sostenibile. «Intendiamo portare la mobilità sostenibile e inclusiva all’interno di edifici al fine di creare un legame più forte con il territorio ed educare all’uso corretto dei vettori», conclude Zara: «In questa prospettiva, Sorgenia rappresenterà un interessante terreno di prova nonché il primo caso d’uso dell’utilizzo del community mobility sharing».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400