A Dynamo Campo la sfida sportiva oltre la barriere con Confindustria

Sono stati amministratori delegati, top manager e lavoratori delle imprese dei dispositivi medici, insieme agli atleti della FISPES, Federazione Italiana Sport Paralimpici e Sperimentali, i protagonisti della seconda edizione della Medical Device Challenge, il 12 e 13 ottobre nell’Oasi naturalistica Dynamo di Limestre (Pt).

Redazione Web
A Dynamo Campo la sfida sportiva oltre la barriere con Confindustria

 
Sono stati amministratori delegati, top manager e lavoratori delle imprese dei dispositivi medici, insieme agli atleti della FISPES, Federazione Italiana Sport Paralimpici e Sperimentali, i protagonisti della seconda edizione della Medical Device Challenge, il 12 e 13 ottobre nell’Oasi naturalistica Dynamo di Limestre (Pt).
 
La due giorni di sport e solidarietà voluta da Confindustria Dispositivi Medici per sostenere Dynamo Camp, si è arricchita quest’anno della partecipazione di alcuni atleti paralimpici e ha offerto la possibilità agli oltre 150 dipendenti e manager delle aziende che producono dispositivi medici di confrontarsi con il mondo della disabilità e dello sport in modo diretto. La Challenge è stata organizzata da Dynamo Academy - impresa sociale che supporta le aziende a coniugare in modo strategico attività economica e azione filantropica con programmi di Corporate Engagement, Formazione e Ricerca – che ha coinvolto FISPES.
 
I partecipanti hanno sfidato i propri limiti mettendosi nei panni degli sportivi disabili che con la loro determinazione e l’ausilio della tecnologia lavorano sulle abilità residue. Sono state quattro le sfide sportive in cui ci si metterà alla prova con gli atleti.
 
 
La Medical Device Challenge – ha dichiarato Massimiliano Boggetti, Presidente di Confindustria Dispositivi Medici – è parte dell’impegno che Confindustria Dispositivi Medici si è assunto nei confronti della società. Abbiamo iniziato questo percorso con un codice etico che evidenzia la responsabilità delle imprese nei rapporti con gli stakeholder, lo continuiamo ponendo attenzione al benessere delle persone, dalla fornitura di tecnologie mediche alla social innovation. Nella convinzione che ognuno di noi ha una personale responsabilità nel contesto globale e che lo sport, con i suoi messaggi positivi, contribuisce all’affermazione di una società migliore e più inclusiva”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400