La Casa Bianca vuol proibire
tutte le “svapore”

Redazione Web
La Casa Bianca vuol proibire tutte le “svapore”

Il governo degli Stati Uniti ha annunciato un piano legislativo per vietare tutte le vendite di sigarette elettroniche aromatizzate mentre sono emersi grandi sviluppi anche per le aziende che si occupano di oppioidi e alcol. Dopo sei morti e 450 casi segnalati di malattie polmonari legate al vapore, il governo federale intende ora seguire l'esempio del Michigan nel vietare i fumi non aromatizzati al tabacco. La causa esatta dei problemi di salute rimane incerta, ma con le sigarette elettroniche, cruciali per il futuro delle grandi aziende produttrici di tabacco - soprattutto data la loro popolarità tra i giovani clienti - qualsiasi restrizione al loro uso potrebbe essere dannosa per il benessere dei prezzi delle azioni dei produttori.

Inoltre, si è rilevata una connessione più fiduciosa tra gli analgesici a base di oppiacei e una crisi di dipendenza che ha portato alla morte di oltre 200.000 americani. E giovedì, la casa farmaceutica Purdue Pharma ha concluso accordi provvisori multimiliardari con circa la metà degli Stati Uniti che ne hanno ulteriormente riconosciuto la responsabilità. Purdue, di proprietà privata, ha sostenuto che le autorità statunitensi hanno approvato le etichette di avvertenza sulla sua OxyContin, comd si chiama il prodotto base. Ma non c'è stata alcuna approvazione per le e-sigarette, della iQOS di Philip Morris è stata semplicemente "autorizzata la vendita" e il prodotto Juul - in cui Altria ha investito 13 miliardi di dollari – è stato sanzionato proprio nei giorni scorsi per il marketing illegale. Forse anche per questo i due colossi stanno negoziando una maxifusione con cui poter meglio sopravvivere alla stretta dei regolamenti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400