C’è del marcio negli abiti sportivi cinesi di Anta Sports?

Redazione Web
C’è del marcio negli abiti sportivi cinesi di Anta Sports?

Anta Sports, il più grande marchio cinese di abbigliamento sportivo e nuovo proprietario di Amer Sports (di fama "Wilsooon"), è stato accusato di frode. Il margine di profitto di Anta è due volte superiore a quello dei rivali Nike e Adidas, per i quali una volta produceva scarpe da ginnastica. La società d'investimento americana Muddy Waters sostiene che ciò è dovuto in parte al fatto che Anta controlla molti dei suoi distributori, gonfiando artificialmente i profitti per riportare maggiori ricavi e minori spese. Muddy Waters è un operatore ribassista, cioè un investitore che scommette sul prezzo del crollo delle azioni di Anta. Ma non è il primo ad accusare la società cinese di contabilità scorretta negli ultimi anni. A Hong Kong, nel frattempo, l'azienda mediatica Camsing - proprietaria del Pow di Stan Lee! Entertainment - ha visto le sue azioni crollare l'80% lunedì dopo che il suo fondatore e azionista di maggioranza è stato arrestato. Mentre le accuse rimangono poco chiare, l'arresto ha lasciato gli investitori spaventati - e per più di un motivo. Il mercato azionario cinese si sta aprendo agli investitori globali. Non solo i limiti di proprietà estera diretta sono stati eliminati l'anno prossimo, ma alcune azioni cinesi sono ampiamente disponibili per l'acquisto tramite ricevute di deposito all'estero. Un nuovo schema Londra-Shanghai consente inoltre alle aziende quotate nel Regno Unito e nella Cina continentale di raccogliere fondi attraverso i mercati azionari dell'altro paese. Maggiori investimenti stranieri acuiranno l'attenzione sul modo in cui le aziende cinesi sono gestite rispetto alle controparti occidentali, premiando le aziende trasparenti e ben gestite - e punendo quelle in cui le cose sembrano più torbide.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400