L’Handelsblatt accende un faro
sulla banca dei Millennials

Redazione Web
L’Handelsblatt accende un faro sulla banca dei Millennials

È stata definita la banca dei Millennials: N26 è un istituto di credito interamente digitale senza filiali bancarie fisiche. È stato fondato in Germania nel 2013 e ha messo in commercio il suo primo prodotto nel 2015. Nel giro di tre anni è passato ad avere 100mila clienti nel 2016 agli attuali 2,5 milioni. Ora però la banca sarebbe stata messa sotto indagini dal BaFin, l’organo di vigilanza bancaria tedesco. Secondo il giornale tedesco Handelsblatt l'omologo tedesco della nostra Consob starebbe facendo dei controlli per problemi legati a disservizi nell’assistenza alla clientela e per presunte mancanze del circuito che potrebbero attrarre comportamenti fraudolenti. Dell’agosto 2018 i dipendenti di N26 sono aumentati da 500 a 800, 50 dei quali si occupano esclusivamente della sicurezza mentre il team di servizio clienti è triplicato nell’ultimo anno ma, secondo Handelsblatt, la clientela si sarebbe lamentata per la lentezza dei servizi d’assistenza. In risposta all'inchiesta del giornale, N26 ha dichiarato di essere sottoposta su base regolare a controlli interni ed esterni indipendenti come d'altra parte tutti i soggetti con licenza bancaria. Di recente la startup ha chiuso un round di finanziamento di tipo D raccogliendo 300 milioni di dollari da Insight Venture Partners, maggiore finanziatore, insieme al fondo sovrano di Singapore Gic e altri investitori esistenti. A seguito di questa nuova raccolta fondi, la società ha un valore di 2,7 miliardi di dollari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400