Investire in orologi al tempo del Covid-19

Le aste di orologi in periodo di lockdown hanno confermato prezzi e tendenze: ma i segnatempo sono davvero un buon investimento?

Davide Passoni
Investire in orologi al tempo del Covid-19

Insieme a Patek Philippe e Audemars Piguet, Rolex detiene oltre il 20% dei record dei prezzi delle aste

Il 21 marzo scorso Antiquorum è stata la prima casa d'aste di orologi a tenere una vendita durante il lockdown da Covid-19. Mentre altri hanno scelto di rivedere il loro calendario e riprogrammare le vendite per quando si potranno tenere senza l’obbligo di essere distanzati, Antiquorum ha ospitato un evento in un salone vuoto a Ginevra, in collegamento con un migliaio di offerenti online e telefonici pre-registrati. E la scelta ha dato i suoi frutti, poiché ha realizzato 3,28 milioni di franchi per 194 lotti venduti, con una media di poco meno di 17mila franchi per orologio. Incoraggiata da questo primo successo, Antiquorum ha tenuto un'altra asta virtuale, questa volta a Hong Kong il 10 maggio, per un risultato quasi identico: 3,29 milioni di franchi ripartiti su 265 lotti, quasi 13mila franchi per articolo.
 
A parte le circostanze di queste vendite, una cosa degna di nota delle due aste di Antiquorum è che gli orologi venduti durante il lockdown hanno mantenuto la loro fascia prezzo. All’asta di Ginevra, ad esempio, un Tudor ref. 9111 Ranger II in acciaio del 1974 è stato acquistato per 4mila franchi, mentre un Rolex ref. 1500 Oyster Date del 1979, anch'esso in acciaio, è stato venduto a 3.250 franchi. All'altra estremità della forchetta, un Rolex 6241 Daytona "Paul Newman" in acciaio dal 1967 è salito fino a 181mila e un Patek Philippe 5131/1 World Time in oro giallo con quadrante smaltato del 2009 è arrivato a 150mila franchi. 

Aste, orologi e asset di investimento

 I risultati delle vendite di Antiquorum non sono passati inosservati in un momento in cui il settore dell'orologeria era fermo e con poche gioie in arrivo dai mercati. Quindi gli orologi sono un buon investimento? È un pensiero allettante, in particolare quando i mercati finanziari stanno precipitando, il che è esattamente ciò che è accaduto dopo i massimi di febbraio. Negli Stati Uniti, il Dow Jones ha perso il 38%, il CAC 40 parigino è sceso del 40% e lo SMI svizzero del 32%. Certo, i mercati hanno riacquistato un maggiore equilibrio dal 23 marzo, a seguito delle misure di stimolo delineate da governi e banche centrali, ma come e quando ripartirà l'economia è ancora tutto da vedere.
 
In tali circostanze, asset materiali come arte, vino, immobili oppure orologi sono destinati ad attirare l'attenzione (in quest'ultimo caso, il prezzo delle azioni dei giganti del settore ha subito un forte calo da febbraio, con Swatch Group che ha perso il 33% e Richemont in calo del 25%). Ma gli orologi sono una saggia opportunità di investimento? Non esiste una risposta semplice e veloce. 

Le voci di chi vive il mercato 

Come riportato dall’FHH Journal, René Beyer, a capo di Beyer, uno dei retailer di orologi più antichi al mondo di Zurigo, ritiene che il 97% degli orologi in arrivo sul mercato non abbia quasi nessuna possibilità di vedere aumentare il valore. Il restante 3% è dominato da Audemars Piguet, Patek Philippe e Rolex, tre nomi che, tra loro, detengono oltre il 20% dei record dei prezzi delle aste. Al di fuori di questi marchi blue-chip, il rischio di perdita di capitale aumenta in modo esponenziale.
 
John Reardon, ex International Head del dipartimento Orologi di Christie's a New York, dopo dieci anni in Patek Philippe e due in Sotheby's, è ancora più categorico: «Gli orologi non sono assolutamente un buon investimento. Se stai acquistando un orologio per fare soldi, tieni duro perché le probabilità non sono a tuo favore. Solo i collezionisti che acquistano ciò che conoscono e amano, fanno bene nel lungo termine».
 
Molte persone, vedendo i risultati che escono dalle aste, sono comunque disposte a correre il rischio, in particolare perché questo fenomeno relativamente recente sta ancora andando a gonfie vele. Tutti abbiamo in mente i prezzi da record raggiunti dal Rolex Daytona di Paul Newman quando, nell'ottobre 2017, è stato venduto per 17,8 milioni di dollari; o dal primo e unico Patek Philippe Grandmaster Chime in acciaio che è stato messo all'asta da Only Watch 2019 per 31 milioni di franchi, diventando il l'orologio più costoso mai venduto, praticamente un'opera d'arte. In questo contesto non sorprende che John Reardon abbia convogliato la sua esperienza e la sua energia in un business online, Collectability, che si tratta solo Patek Philippe.
 
Eric Wind, ex vicepresidente del dipartimento Orologi di Christie’s a New York, è altrettanto avveduto: «Tendo a evitare di usare le parole “orologi” e “investimento” nella stessa frase. Tuttavia, credo che gli orologi vintage siano una fonte di valore e che questo valore possa aumentare significativamente». Il punto della questione è che questa riserva di valore è essenzialmente alla portata di professionisti; come i gestori di The Watch Fund, con sede a Singapore, che, in cambio di un investimento minimo di 250mila dollari, offre rendimenti annuali netti tra il 20% e il 30% su un portafoglio di orologi che gli investitori detengono personalmente; o come collezionisti sufficientemente informati per evitare le molte insidie del mercato o sufficientemente ricchi per gestire un portafoglio ben diversificato. Per tutti gli altri, se il boom del mercato degli orologi usati non rende una fortuna, tuttavia continuerà a dare soddisfazione e piacere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400