Lotti da record all’asta a New York, da Vacheron Constantin a Rolex

Battuti il GMT-Master di Marlon Brando in Apocalypse Now e l’Overseas dell’alpinista Cory Richards

Redazione Web

Game Changer, l'asta di New York Watch 2019 ospitata da Phillips in associazione con Bacs & Russo il 10 dicembre scorso, ha totalizzato 20.169.875 dollari, pari a 19.847.157 franchi svizzeri e 18.177.091, vendendo il 100% di quanto all’incanto, sia per lotto sia per 100% valore.
 
È stata la prima volta in cui un'asta statunitense ha visto cinque orologi venduti sopra 1 milione di dollari. La vendita ha stabilito diversi record mondiali tra marchi e modelli. Risultati notevoli sono stati raggiunti anche da molti marchi di orologeria indipendenti, inclusi Urwerk e F.P.Journe, nonché un prezzo record per un Lange 1 in acciaio.
 
A guidare l'asta è stato l'Atomic Mechanical Control di Urwerk, un tour de force dell’orologeria moderna, battuto a 2,9 milioni, che ha stabilito un nuovo record mondiale per il marchio svizzero indipendente. La referenza 1518 di Patek Philippe "rosa su rosa", estremamente rara, è stata venduta per 2,3 milioni di dollari, mentre il Patek Philippe 2499 in oro giallo ha raggiunto 2.024.000 dollari.
 
Dopo oltre 20 minuti di offerte provenienti da collezionisti sparsi in 3 continenti, il GMT-Master Rolex 1675 di Marlon Brando è stato venduto per 1.952.000 dollari. L’orologio è stato indossato dall’attore nel film Apocalypse Now e si pensava fosse scomparso da molto tempo.
 
Il Rolex Day‐Date referenza 1803 del golfista Jack Nicklaus ha raggiunto 1,22 milioni. L’orologio è stato al polso di Nicklaus quasi ogni giorno dal 1967 ed era presente quando ha vinto 12 dei suoi 18 titoli più importanti. Il 100% dei proventi della vendita di questo lotto andrà direttamente a beneficio della Nicklaus Children's Health Care Foundation.
 
Da menzionare poi il prototipo del modello Overseas Everest di Vacheron Constantin, un esemplare unico progettato per l'esploratore e fotografo americano Cory Richards nel suo terzo tentativo di scalare l'Everest. Richards desiderava un orologio robusto e resistente, che potesse accompagnarlo in una delle spedizioni più estenuanti, tenendo traccia del tempo sull'Everest e di nuovo a casa sua, negli Stati Uniti.
 
L’orologio, con cassa da 41 mm in titanio con rinforzi di tantalio, è stato battuto per 106.250 dollari, destinati a beneficio della National Geographic Society, un'organizzazione senza scopo di lucro dedicata a spingere i confini dell'esplorazione e a generare soluzioni per un futuro sano e più sostenibile.
 
Cory Richards, in collaborazione con Vacheron Constantin, ha scelto di sostenere un progetto della National Geographic Society che si focalizza sull'istruzione e la conservazione culturale. Richards ha fotografato 11 storie per il National Geographic Magazine ed è profondamente impegnato a estendere le opportunità finanziarie ed educative alle comunità che lo hanno accompagnato attraverso la sua carriera.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400