Whirlpool, accordo quadro firmato al Mise

Nel piano industriale triennale illustrato a Di Maio e ai sindacati investimenti per 250 milioni

Redazione Web
Whirlpool, accordo quadro firmato al Mise

"L'azienda ha accolto le richieste avanzate dal Ministro Luigi Di Maio nel corso dell'incontro tenutosi lo scorso 3 ottobre, che puntavano a far ritornare in Italia alcune linee di produzione attive all'estero e la garanzia che non ci fossero esuberi di lavoratori al completamento del piano industriale nel 2021". Lo si legge in una nota del Mise a proposito dell'accordo quadro sul nuovo piano industriale 2019-2021 di Whirlpool in Italia. A sottoscriverlo al Mise sono stati il ministro dello Sviluppo Economico, Luigi Di Maio, l'Amministratore delegato di Whirlpool Italia Davide Castiglioni, e i rappresentanti dei sindacati nazionali e territoriali di Fiom-Cgil, Fim-Cisl, Uilm-Uil e Ugl. "Whirlpool, nel suo piano industriale triennale illustrato oggi dal management a Di Maio e ai sindacati, prevede infatti un investimento di 250 milioni di euro nei prossimi tre anni nei siti industriali presenti nel nostro Paese, con il trasferimento nello stabilimento di Comunanza della produzione di lavatrici e lavasciuga da incasso attualmente attiva in Polonia, e la salvaguardia dei lavoratori fino ad ora in esubero" informa ancora il Mise.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400