GESTIRE L'IMPRESA - EX CATHEDRA

La Lombardia si piega ma non si spezza.
E va avanti

Riccardo Venturi
La Lombardia si piega ma non si spezza. E va avanti

Lo dice una ricerca del Centro Sviluppo Territori e Settori della LIUC che ha studiato distribuzione e performance delle filiere produttive lombarde

Un sistema produttivo resiliente, che ha avuto la capacità di resistere e adattarsi ai cambiamenti portati dallo shock della crisi. È quello lombardo, le cui filiere, e in particolare informatica e telecomunicazioni (ICT), chimica e meccanica, sono stati i motori della ripresa in regione, capaci di mantenere elevata e perfino aumentare la propria competitività in anni durissimi. È quanto emerge dal lavoro di ricerca condotto dal Centro sullo Sviluppo dei Territori e dei Settori della LIUC Business School con il supporto di UBI Banca, che analizza la distribuzione sul territorio e le performance delle filiere produttive lombarde. «La propensione all’innovazione dei prodotti e dei processi – dice Andrea Venegoni del Centro sullo Sviluppo dei territori e dei Settori della LIUC Business School, che si è occupato della ricerca - che tramite una crescita degli investimenti si concretizza in un aumento di produttività del lavoro e quindi di capacità di generare valore nella produzione, è il fattore chiave per mantenersi competitivi e saper cogliere le opportunità create dalla globalizzazione dei mercati e dalla quarta rivoluzione industriale».

Il settore ICT, in particolare, nel periodo della crisi ha rafforzato la sua leadership, con un aumento della produttività del 10.6%

Un atteggiamento vincente che le filiere del sistema produttivo lombardo hanno dimostrato di saper mettere in campo. Dal punto di vista territoriale l’analisi conferma una Lombardia a tre velocità: la fascia pedemontana, lungo l’asse nevralgico Milano – Bergamo – Brescia e fino al mantovano, concentra la maggioranza delle attività produttive, mentre le aree a Nord e Sud della stessa mostrano minor propensione allo sviluppo di sistemi industriali integrati. Fattore determinante è la concentrazione di attività produttive, in particolare manifatturiere, e il tasso di infrastrutturazione. Le aree più industrializzate e con maggior dotazione di infrastrutture polarizzano l’attività di filiera. «Vicino al lago di Iseo, nella zona di Grumello a est di Bergamo – spiega Venegoni - grazie all’elevata infrastrutturazione, con la vicinanza dell’A4 e della Brebemi, anche negli anni di crisi si è avuto lo sviluppo dei settori automotive e gommaplastica. Un fatto che evidenzia l’importanza cruciale delle infrastrutture in tempi di internazionalizzazione».

Per quanto riguarda le performance economiche, maggiore competitività è mostrata da quelle filiere la cui attività ha un’alta propensione all’innovazione e all’esportazione. Ai primi posti del ranking elaborato c’è il comparto ICT, seguito da chimica, farmaceutica e meccanica. Il settore ICT, in particolare, nel periodo della crisi ha rafforzato la sua leadership, con un aumento della produttività del 10.6% che ne spiega il gap in competitività mostrato rispetto agli altri settori.«L’ICT ha stupito anche noi in sede di analisi – osserva il curatore della ricerca condotta dal Centro sullo Sviluppo dei Territori e dei Settori della LIUC Business School - in termini sia di espansione di filiera che di performance e competitività. Questo tipo di attività si concentra a Milano, Monza e Brianza». Esperienze importanti nell’ICT lombardo sia in termini di fatturato che di competitività e di occupazione sono quelle del settore di gestione e consulenza nei software: «Il processo di digitalizzazione delle aziende richiede servizi che fanno parte del macrotema big data: supporto, gestione, archiviazione, elaborazione dei dati» sottolinea Venegoni. Per quanto riguarda la farmaceutica, un caso di forte espansione è quello del sottosettore dell’agrofarma, che produce ciò che viene utilizzato per le coltivazioni vegetali che non fanno uso di prodotti chimici, forte in Lombardia soprattutto nell’alto milanese. Un fenomeno che rimanda al macrotrend del cibo biologico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

Economy Mag