Bravo Passera, povera Italia

Redazione Web
QUOTAZIONE SPAXS

Giovedì 1 febbraio, primo Giorno di Quotazione di Spaxs spa, la nuova società di Corrado Passera, creata per fondersi “entro l’anno” con una banca non quotata in Borsa, quotandola, e svilupparla in una direzione completamente innovativa, per una banca.

Pienone per la cerimonia del “primo prezzo” in Piazza Affari. Passera è riuscito in neanche sei mesi a raccogliere 760 milioni di euro attorno al suo nome, più ancora che al progetto, da un lato chiarissimo ma dall’altro ancora del tutto in fieri.

E dunque? Dunque, bravo Passera e povera Italia. Non solo non ha trovato - questa Italia - alcun nuovo posto di lavoro nel mondo politico dopo che l’ex banchiere ed ex politico aveva lasciato la sua corsa per sindaco di Milano. Ma non lo ha nemmeno accettato come risanatore del Monte dei Paschi di Siena, preferendo affidare un goffo e fallimentare tentativo ad una JpMorgan che voleva solo intascare provvigioni.

Da Industria 4.0 alle start-up, dal Pir ai minibond, tutte le innovazioni più interessanti per la finanza d’impresaa le ha introdotte lui nel 2012, quando era ministro per lo Sviluppo economico. Ha lasciato Banca Intesa, di cui era amministratore delegato, dalla mattina alla sera, senza liquidazione. Il sistema l’ha lasciato a casa. Ora, tornando nel “suo” terreno, la banca, Passera ha schioccato le dita e ha tirato su 760 milioni. E qualcuno pensa ancora che non avrebbe trovato i 2 miliardi necessari per non nazionalizzare il Montepaschi? (s.l.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400

Economy Mag